Il mare che mi bagna i piedi,
Lascio le mie impronte sulla sabbia anche se so che un’onda un po’ più forte le cancellerà
Io non avevo niente, invece adesso c’è
Cambiare la mia vita e stare insieme a te.
Pensavo di restare solo
Per la vita, per l’eternità
E oggi ti chiedo perdono, mentre mi chiami da un’altra città
In questo mondo senza punti fermi
Per lo meno so che ci sei tu
Questa volta spero che ti fermi
Senza te io non respiro più.

Voglio viverti senza limitazioni
Io sono unico attento alle imitazioni
E non le credere, fa finta di conoscermi ma è tutto falso.
Per conoscermi non basta vedermi su un palco
Guardo la luna la chiudo nel palmo
A te che ammorbidisci un cuore duro come il marmo
Quando dici di restare calmo
Ma due metà che non s’incontrano mai come fanno?
Queste lancette scandiscono l’ansia
Figlio delle attese, marcisco negli anni
E penso che ero piccolo e scendevo in piazza
E già sapevo che saresti venuto a salvarmi