Questa è barre libere termo nucleari,
e non c’è un cazzo da ridere se calo sulle strumentali
passo le vipere dei Mud profumo il pattume
porto la mia tigre fuori dal comune
c’è bisogno… è necessario
senza i modi subdoli del commissario
senza che me mandi sempre un cazzo di emissario
metti la tua faccia fottuta in palio (THANKS)
Gengis Khan che me fà la selecta
tiene sopra il tempo esta mierda
Sweet Rome pure quando è in trasferta
la dea Minerva.. la Guerra aperta
quelli ar Vertice nun c’e stanno

mettice il palco il microfono 2 suoni che me li manno pe le ossa
come se dice a Roma bona succhiame er cazzo mettime la corona
sposto il flow ndò me pare
capiscimi mbare se rimo nun c’è un cazzo da fare
se fino a 6 anni fà stavo in auge
ora sei contento c’è mait
ora è il tuo momento solo gente che applaude
spinge verso il basso in mezzo a troie DICK RIDER-LOW RIDER
sul mic te non c’hai chance
in più quando pe parli che ansia
non ti vedo sento solo la cassa

sta battendo co tu madre a via cassia l’amore che ho con lei
è l’antidoto a questa massa de stronzi
sensata pianti li sgonfi…
no-no se-se c’e stà ancora tutto il tempo pe inventamme il rap
e se ancora trovo il tempo di restacce qua
è perchè rispetto questa merda nata in africa
cago nel petto dell’industria discografica
questi falliti vanno bene in matematica
non c’hanno un cazzo altro che asso nella manica
servono i sordi no la manager simpatica
intanto amore piange

miseria piange
Michela piange il padre lo picchiava ogni sera
piange sulla scogliera del mondo con una mano nella tasca del rap che mò è fecondo
vecchio paraculo te conosco
io sò sempre stato nell mio posto
adesso stai al tuo posto
costo più del tuo jazzista grosso
e dal vivo c’ho le BOMBE DE BOSTON