Perfetto rilassati e il mondo alle tue spalle lasciati,
ora che ci son io lascia che ti guidi come il babau vivo grazie ai tuoi respiri,
entra nel mio mondo ma resta cosciente
vedrai non ti accorgerai di niente.

Ti accompagno in questa casa del dolore
di stanza in stanza diverse sfumature di colore,
a un livello superiore al di la della ragione in un’offuscata confusione.
Ti spingo sull’orlo del precipizio per poi salvarti, addormentarti perderti per poi ritrovarti,
alfa il nome della zona un cosciente coma dove nessun errore si perdona.

Si tratta solo di realtà virtuale che ho saputo creare mper poterti dimostrare
che la realtà io posso capovolgere,
che la tua stessa vista a volte può farti confondere.
Vengo a prenderti perchè da solo puoi rischiare di perderti,
non resta che arrenderti, non c’è nulla da fare oramai,

sto arrivando tu dimmi che farai?
Dimmi che farai quando verrò per te,
dimmi che farai quando verrò,
e tu dimmi che farai quando verrò per te,
per mano ti prtenderò e ti accompagnerò,
e tu dimmi che farai quando verrò per te,
per portarti nel mio mondo,

non puoi nulla contro me vivo dentro te,
dove c’è il silenzio e regna il buio più profondo.
Il tuo corpo è ancora li dov’era sul tuo letto in quella stanza,
ma la tua mente si è lasciata trascinare in questa danza,
dimmi che farai mia sposa leggittima,
non puoi scappare ormai t’ho scelto come vittima,
tu mi hai creato ho studiato ogni tuo sogno,
sono il frutto delle paure di cui hai bisogno.
Ti lascio a bocca aperta ora sai quel che ti aspetta,
contunuo questo mio tormento senza fretta,
il tuo corpo è pervaso da un leggero formicolio,
gioco per poi farti cadere nell’oblio!

Dimmi che farai quando verrò per te,
dimmi che farai quando verrò, e tu dimmi che farai quando verrò per te,
per mano ti prtenderò e ti accompagnerò,
e tu dimmi che farai quando verrò per te,
per portarti nel mio mondo, non puoi nulla contro me vivo dentro te,
dove c’è il silenzio e regna il buio più profondo.