Passame na Rizla
Minti lu discu de Sizla
Sienti moi che delizia quista ete na primizia
La capu mia se sfizia
Te l’andore soa se vizia
Per lei non c’è giustizia
D’accapu mo s’inizia
Nu sulu perché se fuma
Se sape ca ete bona
Ne poi fare tanti usi
È sulu pe quistu ca è bandita
Dà l’energia pulita
Lu … sulla tisana
Ca dae benefici meju te na medicina

Rit. Herbman …

Ave o maria damme la via
Famme truare sempre cu la giusta compagnia
Sulu gente calma ma ca nu se ferma
Ne canuscu tanti de … a Stoccolma
Piena di grazia, è n’ingiustizia
Neganu la cura a ci necessita risuscita
Benedetta tra tutte le piante
Unisce la gente pe stare in compagnia

Chi usa erba nu face crimine
Senza reato nessuno è punibile
La libertà personale è intoccabile
È nu dirittu inalienabile
Quistu è quiddhru ca s’à difendere
Lu rispettu s’à pretendere
Ca lu sistema ca cerca te lu ‘llea
Nu te sottomettere e nu ‘llu permettere
Lu proibizionismu ete na cosa sbajata
Quanta gente onesta à stata ‘rruenata
Anzi sta storia è del tutto manipolata
Ma la verità nu po bessere chiui scusa

Ni l’hannu proibita percé è bona
L’hanu fatta fore percé è sana
Poi l’hanu trasformata intra nu viziu ca ‘rricchisce
ci gestisce sia l’industria ca la mafia

Percene, hei
Dura chiui te li farmaci pe quistu ca è proibita
È la cura e lu medicu ca ha scrittu la ricetta te la vita
Per ogne malannu tene soluzione e lu metodu ca te iuta
E ci nu sta lotta contru l’ignoranza e ci ancora te critica