Cara Italia mia
la tua grande bellezza
costa una follia
e tutti vanno via
come dopo una festa
e scemo chi resta
a fare pulizia
per restare calmo
di tanto in tanto
faccio un viaggio e parto
stacco la spina, stappo lattina
spacco una cima e spingo sta rima
te parti perché da ste parti
non trovi stipendio
diavoli in paradiso
e poveri cristi all’inferno
over 40 non capisci il testo
nato nel ’70 disco inferno
il rap non sbaglia perché tu sei un vecchio
con l’apparecchio disco infermo

Quanto tempo perso già

io me ne sbatto che sei lento
e non mi guardo più indietro
e non mi guardo più indietro
io vado in para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso

Nel mio paese è un’avventura
scavo nei miei sogni con le mani
quando il corpo è tra quattro mura
lo spirito fa viaggi più lontani
i ragazzini col cervello in fuga
cervello in fumo, cervelli strani
il futuro non lo assicura
sta dittatura di sti vecchi in cialis
e siamo come le ragioni di sta crisi
metà di noi si vede metà sono le radici

Quanto tempo perso già
io me ne sbatto che sei lento
Quanto tempo perso già
cercando un angolo perfetto
io vado in para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso

Mia cara Italia qui troppi dicono scappa
ci vuol coraggio a restare qui a spada tratta
l’onesto qui deve porgere l’altra chiappa
al ladro che non si pente ma se la canta

Da noi si impara a fare-fare-fare il dito
il venerdì la gente vuole fare schifo
io vado in para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso
para-para-para-paradiso