Padre contro figlio 
fratello su fratello 
partoriti in un avello 
come carne da macello 
uomini con anime 
sottili come lamine 
taglienti come il crimine 
rabbiosi oltre ogni limite 
eroi senza una terra 
che combattono una guerra 
tra la mafia e la camorra 
Sodoma e Gomorra 
Napoli e Palermo 
succursali dell’inferno 
divorate dall’interno 
in eterno 
da un tessuto tumorale 
di natura criminale 
e mentre il mondo sta a guardare 
muto senza intervenire 
Basta alla guerra fra famiglie 
fomentata dalle voglie 
di una moglie colle doglie 
che oggi dà la vita ai figli 
e domani gliela toglie 
rami spogli dalle foglie 
che lei taglia come paglia 
e nessuno se la piglia: 
è la vigilia 
di una rivoluzione 
alla voce del Padrino 
ma don Vito Corleone 
oggi è molto più vicino: 
sta seduto in Parlamento 

E’il momento 
di sferrare un’offensiva 
terminale decisiva 
radicale distruttiva 
oggi uniti più di prima alle cosche 
fosche attitudini losche 
mantenute dalle tasse 
alimentate dalle tasche: 
basta una busta 
nella tasca giusta 
in quest’Italia così laida 
you gotta fight da faida! 

you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 

Sud non ti fare castrare 
dal potere criminale 
che ti vuole fermare: 
guastagli la festa 
abbassagli la cresta 
guarda la sua testa 
rotolare nella cesta 
Libera la mente da ogni assurdo pregiudizio: 
è l’inizio della fine del supplizio 
che da secoli ti domina 
ti ingoia e ti rivomita 
potere di quei demoni 
che noi chiamiamo “uomini” 
che uccidono altri uomini 
che sfruttano noi giovani 
che tagliano le ali 
agli angeli più deboli 
Potere che soggioga 
potere della droga 
potere di uno Stato 
che di tutto se ne frega: 
strage di Bologna Ustica Gladio 
cumuli di scheletri ammassati in un armadio 
Odio il tuo seme germoglia nella terra 
fecondato dal sangue della guerra 
e la camorra indomita ricca e strafottente 
continua ad uccidere la gente 
Tombe ecatombe 
esplosioni di bombe 
raffiche di mitra 
falcidia di bande 
Cosenza Potenza 
carne morta in partenza 
consacrata alla violenza 
senza opporre resistenza 
Alpi Salento 
un solo movimento: 
pugni sul sistema 
pretendiamo un cambiamento; 
ridateci la terra 
basta con la guerra 
Dalla strada l’intifada 
you gotta fight da faida! 

you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 

Tri tri tri setti fimmini e un tarì 
u’ tarì ch’è pocu pocu 
setti fimmini e u’baccocu 
u’ baccocu è duci duci 
setti fimmini e la nuci 
e la nuci è dura dura 
setti fimmini e la mula 
e la mula avi li denti 
setti fimmini e u’ serpenti 
e u’ serpenti è avvilinatu 
setti fimmini e u’ granato 
e u’ granato è a coccia 
a coccia setti fimmini e la boccia 
e la boccia è sciddicusa 
setti fimmini e la busa 
e la busa è fina fina 
setti fimmini e l’antrina 
e l’antrina ecca acqua 
setti fimmini e la vacca 
e la vacca avi li corna 
setti fimmini e la donna 
e la donna scinni i’ scali 
setti fimmini e u’ rrinali 
e u’ rrinali è tunnu tunnu 
setti fimmini e lu munnu 
e lu munnu è tri tri tri 
setti fimmini e un tarì 

you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 
you gotta fight da faida! 
you gotta fight…fight…fight… 

you gotta fight 
you gotta fight da faida!