E-Green
Spingo e non ce n’è per nessuno,
ti porto a casa a mezzogiorno, a Ferragosto che cerchi un grammo di fumo,
sto a dieci di magnitudo, lei droppa ancora, digiuno,
tu ceci in ginocchio nudo, sgranocchio finocchio crudo.

Sti scemi figli del nulla,
incastrati tra una pagella e una punchline, la cameretta, lo studio e una faccia buffa,
per me voi siete carta igienica, ma quale predica,
mi metto nello stereo, poi chiama la guardia medica.

Pollo e riso bianco come Willie Colòn,
Hector Lavoe, regalo minchia che flow, l’R&B, no,
ti chiedi quando questo buffone smollerà il colpo,
io sorrido, ti ci vedo che strilli, povero stronzo.

Se il gioco si fa sbatti, io godo, niente capricci,
sto buono ad altezza d’orlo, barolo dentro ai calici,
plutonio per i nemici, col micro mostro scandici,
conservo teste di babbi di minchia come feticci, TOMA!

Coez
Ancora in forma come Megan Fox,
in discoteca intanto un cristo annega in uno shot,
ho visto l’era del New Era, in testa a gente che boh,
non ha talento, in questo ambiente questa gente che vo?

Tu sei il sergente del flow, io il generale maggiore della difesa,
se incontri mia madre, portale la spesa fino a casa,
sotto sta merda ancora mi gasa,
si che sto allerta, tu no, non c’entri, mi casa.

Se c’è un problema quà è la NASA, Apollo,
vuoi scappare, ritorni a casa, a pollo!
Mi vedi in giro sopra a un cingolato,
l’ho rotto tutto e poi l’ho rincollato!

Ritornello: Danno
Cingolato, sul palco finchè non finisco il fiato,
guantone in alto pure se l’incontro è truccato,
zero ripensamenti, almeno c’ho provato,
è da quando ho cominciato, lo sai che spingo come un cingolato!

Sul palco finchè non finisco il fiato,
guantone in alto pure se l’incontro è truccato,
zero ripensamenti, almeno c’ho provato,
è da quando ho cominciato, spingo come un cingolato!

Lucci
Me frega cazzi che fai rap e che te scopi cagne,
amo una donna e sopra al palco, te faccio piagne,
ho sempre fatto questa roba, sopra di due spanne,
fatto grattacieli, quando intorno c’erano capanne.

E mo? Che vuoi che dica,
che ho messo la mia vita, dentro ogni singola riga,
condita col sudore, sangue, lacrime e fatica,
putroppo sono sordo, non sento il fischio di fine partita.

Il cagacazzi del rap, te dico in faccia che fai schifo al cazzo,
esse sinceri costa, quindi pago dazio,
ma lo pago, contento del fatto,
che siamo proprio un altro mondo, me lo ricrdo ogni volta che m’alzo!

Paura
Fanculo al fashion rap,
più che delle star, siete starlet, sotto le canotte, portate le pailletes,
fare ridicolo,
io più tiro di un tir, voi ve la tirate con più tiri che al poligono.

Nessun equivoco flow, liquidematico show,
che dopo una mia strofa chiamate un chiropratico so,
di stare allo scuro, non ho mai fatto nulla per moda,
voi ce l’avete duro, poi fate dei figli come il trota.

Guidi per te, resti una banana flambè,
contro questo staff, prendi più schiaffi di un jambè,
avevo l’impressione che eravate paninari,
infatti fate cose assieme a Max Pezzali.

Non ci pieghiamo ma, non siamo stati mai spezzati,
ed anche in Maserati risultiamo sempre uguali,
e ne usciamo da vincenti anche se circondati,
perchè non abbiamo impedimenti, come i cingolati!

Ritornello: Danno
Cingolato, sul palco finchè non finisco il fiato,
guantone in alto pure se l’incontro è truccato,
zero ripensamenti, almeno c’ho provato,
è da quando ho cominciato, lo sai che spingo come un cingolato!

Sul palco finchè non finisco il fiato,
guantone in alto pure se l’incontro è truccato,
zero ripensamenti, almeno c’ho provato,
è da quando ho cominciato, spingo come un cingolato!