Se solo lo sapessi
leggessi i miei pensieri semplici tra i miei complessi
si mi comprenderesti
sai i silenzi non parlan di ciò che vorresti
ho sguardi impressi accorsi più veloci dei miei passi sapessi
messo sopra un marciapiede
il cuore duole anche se non ti vede
l’alcool calma una sola sete
tormentato dalla quiete
addormentato contro la parete
avessi le parole che con te non mi pare avere
per le paure chiuse non ho le prospettive oscure del notturno
suono vuoto come dopo un furto
una carezza in un insulto
sono io o sei tu
che non capisci bene con chiarezza il punto

Rit:
se solo ti parlassi come mo’ sto rimando, no
non mi mostro non posso rifarlo
mi son scoperto e sento il segno del tuo palmo
brucio dentro, all’esterno resto calmo

Se solo lo sapessi
esprimessi quello che trattengo stretto tra i miei denti
e poi getto nei miei versi
sono sentimenti emersi
rimasti a fondo sotto i pesi immensi
delle sensazioni che mi da a vederti
certi momenti senza freni poi ti fermi
in paralisi davanti al paradiso passo venti inferni
per secondi eterni vorrei sentirmi solo meglio
avere meno tarli che corrodermi i nervi
messo su una panchina
a un elottrocardiogramma piatto penso che mi manchi adrenalina
sono fatto di te
no, non ho un alternativa
non posso pretendere di cadere senza una ferita

Rit:
se solo ti parlassi come mo’ sto rimando, no
non mi mostro non posso rifarlo
mi son scoperto e sento il segno del tuo palmo
brucio dentro, all’esterno resto calmo

Se solo io potessi, fare a meno di te
rimpiango quei momenti persi, mi rappari mentre
nella mia quotidianità rimango spento
rimani un altro giorno, e so che ancora sarà il vento
a portarmi quel profumo di te, per resettarmi a quel secondo
quando fumo io e te, i soli padroni del mondo
e adesso mi domando solo se tu solo lo sapessi
quant’è stato complicato ricominciare da capo
mrs Mistake ora queste frasi sono scritte
all my destiny was written
se solo lo sapessi
in mezzo alla tensione a circhi di pagliacci che
cercano di avere i tuoi interessi
claro che a me non ci pensi
ascolto i tuoi sorrisi a pezzi
per te è normale fare gentilezze senza apprezzi
gesti con sensi apparenti
ho gli indizi no i moventi
non mi osservi ma mi muovo coi tuoi movimenti
poi mi spengo fumando ogni tanto
così non penso accendo un altro tasto in testa come quando canto
tanto quanto ti donerei senza nient’altro in cambio
forse uscirei dal limbo buio in cui rimango
vivo per il tuo viso ma mi hai ucciso col tuo sguardo
resto calmo ma all’interno sto bruciando

Rit:
se solo ti parlassi come mo’ sto rimando, no
non mi mostro non posso rifarlo
mi son scoperto e sento il segno del tuo palmo
brucio dentro, all’esterno resto calmo