[RIT]
Puoi toccarmi,
in modi che nemmeno sai,
e ogni volta che sei qui,
non m’importa più di niente..

[Guè Pequeno]
Siamo nello stesso tempo oro e diamante,
sul mio quadrante con te scorre più lento,
e tu sei fatta apposta per guardarti,
io sono fatto apposta per toccarti,
poi litighiamo, ci riprendiamo,
sai che non riesco a lasciarti,
il mondo è amaro e io sono anche peggio,
e non posso cambiarlo, forse io e te potremmo farlo,
devo mettere giù perchè il mio volo parte già sono in ritardo,
controllo su WhatsApp ti chiedo come ci facevi sveglia,
perchè non sei andata a letto, tu mi chiedi chi era quella,
sono nel locale e rappo, non sento l’iPhone che squilla,
io che te l’avevo detto, basta solo una scintilla,
e tu come mi tocchi, solo tu mi tocchi,
e arrivi in punti molto più profondi,
e io che son cresciuto nella giungla come Mowgli,
per essere addomesticato, solo tu sai i modi..

[RIT]
Puoi toccarmi,
in modi che nemmeno sai,
e ogni volta che sei qui,
non m’importa più di niente..

[Tormento]
Abbiamo combattuto troppo per non meritarci un po’ di rilasso adesso,
finalmente in questo letto, come guerrieri feriti, provati,
sempre gli stessi ancora innamorati,
dopo anni di battaglie perse,
generazioni buttate via, disperse,
a testa alta sempre, abbiamo combattuto,
siamo rimasti uniti senza un aiuto,
l’ipocrisia di un paese,
che crede nella famiglia e la sommerge di spese,
sposato con valori che neanche immagini,
scrivendo pagine senza essere fragile,
non te lo puoi permettere,
spesso appagato chi è a fianco a me e su di me è il primo a scommettere,
sa rendermi felice ora che il bimbo dorme,
mia moglie mi sorride e mi dice..

[RIT]
Puoi toccarmi
(E andare molto più in profondità)
In modi che nemmeno sai
(Tu come nessuna ha fatto mai)
E ogni volta che sei qui
(Ogni volta che sei qui con me)
Non m’importa più di niente

Puoi toccarmi,
in modi che nemmeno sai,
e ogni volta che sei qui,
non m’importa più di niente..

È che solo tu davvero sai come prendermi,
possiamo farlo in tutti i punti, in tutti i modi che vuoi,
io e te, siamo noi che.. Io e te
La G, la U , la E

[Guè Pequeno]
Arrivato a questo punto è come se stessi vivendo la mia terza vita,
e no, non è ancora finita,
e quando non canta più il coro, al buio non luccica l’oro,
io rimango sempre solo e son precipitato al suolo,
tu aiutami a rialzarmi, fumiamo un po’ ché è tardi,
per rimanere calmi, hai delle forme assurde che ti serve il porto d’armi,
partiamo dall’unire i nostri palmi, dici di non fermarmi,
ho un occhio aperto come il sole, uno mezzo come la luna,
io sono uno tra mille, tu sei soltanto una,
io sono più di qua baby,e tu sei più di là baby,
in questa vita non cerco il perdono..