come guardare in tele un cartone,
come se niente fosse,
zone rosse, poi come se niente scosse.
Chi fa sciopero della fame ci rimane,
che ci rimane? Sommosse!

Danton, si mette male.
Qui ti vogliono arrestare
e magari t’accoppano dando la colpa alla tromba
delle scale!

E sono cose come questa che fanno perdere la testa.
Ti fanno perdere la testa per farti perdere.
Non perdere la testa, non devi
perdere la testa, non devi
perdere la testa, non devi
perdere, non devi perdere.
Le situazioni come questa ti fanno perdere la testa.
Ti fanno perdere la testa per farti perdere.
Non perdere la testa, non devi
perdere la testa, non devi
perdere la testa, non devi
perdere, non devi perdere.

Contestazioni negli atenei,
cortei, No-qualcosa-Day
ma il re si gratta gli zebedei
più di Tom Hanks in Cast Away,
L’opposizione ha il K-way,
fa più acqua di un Canadair,
all’opposizione io vorrei Joey Ramone:
‘Gabba Gabba Hey!’.
Ma vedo leader narcolettici,
si addormentano parlando nei TG.
Col carisma di Ciccio di Nonna Papera
non convinci gli scettici..
Ti incateni al cancello? Ma noo!
Nessuno ti darà una mano!
Senti me, fuggi che
qui ti danno una mano di antiruggine!

Danton, ci danno addosso,
chi informa verrà rimosso.
Cara liberté mi sa che
qui per te non c’è più posto!

E sono cose come questa…

Muoviamoci Danton, selliamo lo stallon,
armiamoci di casse non di cluster bombs,
festanti come bande di bandoneon
saremo noi, Danton, Robin Hood e Little John,
Lennon e Yoko Ono con il rock & roll,
Sancho e Don Chisciotte, Titania ed Oberon.
All’attacco del re che passa con la claque
ammassa i tuoi garçons, Georges Jacques Danton!