Quello che ti do 
Quello che ti do e’ quello che c’ho che so 
non chiedermi di piu’ di piu’ non ho 
faro’ per te quello che tu hai fatto per me ma ricorda 
chiusa quella porta indietro non si torna 
posso darti amore come odio 
posso darti un problema come invece posso dartene il rimedio 
posso darti poco se per te e’ poco 
farti arrivare questa strana sensazione di vuoto 
che ho intorno perso dentro la normalita’ 
se qualcuno parte e sai che non ritornera’ 
posso darti tutto quello che ho imparato 
oppure solamente quel poco che mi hai dato, 
posso regalarti la luce del sole che brilla 
accendere il fuoco che e’ in te mi basta solo una scintilla 
per fare piu’ bella questa sera 
posso anche amarti ma amarti alla mia maniera. 

Rit. 
Quello che ti do e’ quello che c’ho che so 
non chiedermi di piu’, di piu’ non ho 
quello che ti do e’ quello che c’ho che so 
e’ quello che mi serve mo’. 

Quello che ti do solo quello che c’ho 
sempre vero si come vivo mi capisci zi’ seguimi 
un massiccio sa distinguere ed e’ l’importante 
leggilo sul muro e non mi chiedere piu’ niente 
i giorni passano sempre meno sole sempre piu’ sole 
in piedi per poterlo raccontare vivo mo’ 
perche’ qualche cosa nella testa c’ho 
questo do’, se m’avanzi qualche cosa io te la daro’ 
odio pieno se qualcuno perde qualcunaltro trova 
SuperBeffa canta e Sebi je la sona (sta in campana) 
se un massiccio sa distinguere dell’importante 
se te l’imbastisci poi se sente vedi de sta bono 
qualcuno stringe cose che non ha nella sua mano 
quello che ti do e’ vero Funk romano 

Rit. 
Quello che ti do e’ quello che c’ho che so 
non chiedermi di piu’, di piu’ non ho 
quello che ti do e’ quello che c’ho che so 
e’ quello che mi serve mo’. 

Ti do sensazioni che non hai mai provato prima 
ti faccio volare come quando porto la mia Guenda sulla luna 
e vola sempre piu’ in alto sfida il buio con me 
ci si riesce con un salto 
posso trascinarti dentro la mia oscurita’ 
darti tutta la disperazione della mia città, 
posso darti tutto il freddo che c’ho in testa 
se vuoi la calma l’avrai se no sarà tempesta 
un massiccio sa distinguere quello che do 
nessuno che mi segue mo come je sto 
giro con la gente mia perche’ se la cantano 
troppi se la cantano troppi non sanno ma ci credono 
vivo mo Massimo non crede piu’ e non e’ facile 
cercheranno qualcunaltro un po’ piu’ duttile 
prendo solo quello che ne vale 
puoi non ascoltare ma non puoi cancellare.