Forse un giorno la mia fatica corrisponderà ai miei risultati
E pioverà su ‘sti artisti truccati
Ho sempre scritto sull’anima prima che sul foglio
Sentire non è ascoltare lo dico con orgoglio
Io non sogno il trono, non voglio restare seduto
Ma qualcuno non vede l’ora di darmi del venduto
In fondo che ne sai di come sto? Non suono pop
Non sono nella tua top five, ma fai che sono il top
Suona nuova questa nuova scuola
Decelerati come Maradona senza coca buona
Vi vedo persi, fuori dal campo solo se onesti
Io creo versi, con la classe di Leo Messi
Per me non è stressante, non è pesante
Non è che canterei per le mance, c’ho il rap nel sangue
Fai il cattivo, cucina all’inferno con Gordon Ramsay
Sul beat ti gremo tutti i parenti, condoglianze
Non ti accorgi che do arte?
Per me lo show è importante come i dollari per Shawn Carter
Metti ‘sta voce su tante, non sono qui per alzare il livello, ma per portarlo su Marte

Qualcuno sottovaluta, qualcuno minimizza
Mandami l’ultimo liricista
Tutti a dire chi fa bene il rap qui noi
Tu non sei il terzo dei Mobb deep, sei il sesto dei Backstreet boys
Home edition, dieci stelle sulle dita di Big Joe
Non confonderti no competition
Sei come il super fan che però non compra il disco
È chiaro che certe cose non le concepisco
Immagina un rapper moderno senza auto-tune
Senza la crew, senza lacune e senza Youtube
Senza tattoo, convinto che tutto il bene venga da su
Ogni mia rima è una stella dal sud
La musica sembra fast food
Digeriscila, manda giù, tanto il fegato non si ripristina
Sogni la magnifica classifica, aspetta a decollare senza fretta
Come artisti con gavetta secolare
Da quaggiù sembra regolare
È tutto ok e finché da ‘sta terra vedo il mare
( J sei troppo umile ) dicono, qui sbaglio
Chiamami uomo di mare con lo squalo al guinzaglio

– Testo trascritto da Luca Grossi