Johnny Marsiglia Big Joe Fantastica Illusione RecensioneEtichetta: Unlimited Struggle Records
Distribuzione: Audioglobe
Anno: 2014

Fantastica illusione“ è il titolo del secondo album del rapper palermitano Johnny Marsiglia.
Dopo il disco di collaudo con il producer Big Joe, arriva, due anni dopo, il disco di conferma, sempre su etichetta Unlimited Struggle.
Il disco contiene 14 tracce: le produzioni sono state affidate ciecamente a Big Joe, mentre sono presenti molti ospiti che hanno aiutato il progetto a diventare quello che è: Frank Siciliano, Pat Cosmo, Dj Tsura, Dj Lil Cut, Stokka & Madbuddy, Nex Cassel, Mecna, Louis Dee e Hyst.

Il disco è completamente diverso dall’ultimo progetto. In “ Orgoglio “ erano usciti due tormentoni come “ Voci “ e “ 1 / 2 “, pezzi che ti entravano in testa, e stupravano le orecchie.
Nel nuovo album, i beats sono tutti suoni nuovi, complessi e a dir poco di facile interpretazione, mentre i testi parlano della vita dell’artista, come dice nella prima traccia: “ Ho messo un pezzo di vita in quest’album “.
Punto a favore del nuovo progetto quindi: evoluzione esponenziale del beat maker Big Joe e crescita considerevole del rapper Johnny Marsiglia.

Il disco si apre con la title track, che mette subito le cose in chiaro: è tutto “ Un’illusione fantastica fino a quando non sai che lo è… “, “ So che è tutto finto, anche la tua finestra è un display… “, “ Non resta che tentare e non pensare… “ sono tre delle citazioni della prima traccia, che spiega il tutto in maniera molto chiara ed esplicita!
Il gioco di parole esistente tra ” fantastica ” e ” illusione ” è riuscito perfettamente. Fantastica, parola dal contenuto chiaramente positivo, affiancata ad illusione, parola negativa: Johnny Marsiglia ci dice che è una bolla di sapone, tutto bello fino a quando non scoppia!

Altre tracce parlano di tematiche più profonde quali: “Tutte le volte “, “ Dreams “, “ Angelo in terra “ e ” Qualcuno qua “.
La traccia, che colpisce di più, perché tagliente come una lama di un coltello, è “ Impazzisco / killer negli speakers “, critica ai rapper che cantano su basi dance, critica a questi rapper cosiddetti finti, che a quanto pare sono scomodi al nostro Mc di Palermo. È una sorta di promessa, di non cambiare, rimanere fedeli, promessa fatta da molti artisti, mantenuta da pochi: vediamo come si comporterà il cantante della Struggle Family.

In parole povere, se vi è piaciuto “ Orgoglio “ questo nuovo lavoro vi piacerà di più, pur essendo completamente diverso dal disco del 2012.
Con “ Fantastica illusione “ i due artisti si sono confermati per quello che tutti ci aspettavamo, non sono più rookie, ora possono puntare molto in alto!

Luca Grossi

Maggiori info su “Fantastica illusione