Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me
Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me

Primo:
Eravamo io e T sulla via di Damasco
Li, vicini al collasso per chilometri di rum e tabasco
Io pensavo a tutti i soldi che intasco
Con una mossa sleale faccio i soldi al cardinale Bagnasco
Che cazzo
Peyote Mescalina e cervello
Fa una mina nelle mani del mio demone bello
Il mio gemello a fare stecca con l’altro gemello
Solamente per alzare il livello
Sull’asfalto strade torride
Becco lei e mi dice sono Providence
Mi dice di non correre, fermarsi per risolvere
Le linee dei suoi occhi così morbide
La linea dura del mio mondo che va a farsi fottere
Mano sulla testa e scrivo sopra le perle
L’immaginazione immagina l’azione perenne
Senza fasi alterne dice che è una cosa da stronzi
Rifiutare di opporsi e di a fama, meglio prendersi la fame a morsi
Provvidenza, ride amaro, vive in bilico
Sotto i cuscini con i cieli nero acrilico
Dice che non mi farà il male minimo
Ma so che sta mentendo senza un cazzo di motivo ben specifico
Bella Providence, le gambe che ti tremano
Di fronte alle paure salgo a cure che sollevano
Ma preferisci un cerbero e l’amore da hotel
Ma ogni aereo tu ripenserai a me, chica yes bless

Ritornello:
Providence: nemmeno ci speravo
A come ho conosciuto lei
Spingendo sguardo più su
Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me
Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me

Tormento:
Ho conosciuto una ragazza che non crede più a niente
Nella giustizia, nei partiti, nel presidente
Solo una Providence, vive nel presente
Al contrario della sua generazione cosciente
Di quel che accade, il controllo che ogni giorno studiamo
Creato e controllato in ogni paura che abbiamo
È voluta per creare automi
E ci cade solo chi non tira fuori i coglioni
È il risveglio del leone, chi ti parla mi scalda
E il vecchio mondo di ladri si sfalda
Sotto i colpi del nuovo che avanza e non ricade
Le vecchie  i vecchi scemi scappate
La mia nazione piange gli eroi
Ma il giorno dopo poi ritorna a farsi i cazzi suoi
Mi ha guardato negli occhi e mi ha chiesto cosa vuoi?
I soldi, le donne, il bene per gli amici tuoi

Ritornello:
Providence: nemmeno ci speravo
A come ho conosciuto lei
Spingendo sguardo più su
Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me
Maledetta provvidenza, pensa un po’ a me
Pensa pure un po’ a me, pensa pure un po’ a me

nemmeno ci speravo
A come ho conosciuto lei
Spingendo sguardo più su
Senza ipocrisia
E poi affogo nella realtà
Parole poesie
Sopra ogni gesto che valore ha?
Providence
Providence
Providence
Providence