Io non so vestire a tempo
senza le paure dentro,
trovo le parole per descrivere il momento
che mi tiene appeso a questo senso
di vertigini da sempre,
io non so cambiare il mondo
ma vorrei cambiare me,
quando cado e tocco il fondo
possa alzarmi senza te,
io vorrei vedessi il giorno,
come non lo hai visto mai:

Ritornello:
Triste mai, mai più
triste mai, mai più
triste mai, mai più
triste mai, mai più

Nella notte ho perso
direzione sotto un cielo aperto,
quante stelle ho perso
contro lo sguardo, vede attraverso,
l’occhio dell’universo,
e crede tutto diverso;
ammettere che c’è te stesso
in ognuno come un erede
non è permesso,
ora non provi niente,
dovesse anche finire,
se il mondo fuori mente
tu non starlo a sentire,
la libertà più grande
è quella di andar via,
senza passato sensa traccia,
senza nessuna scia.

Ritornello:
Triste mai, mai più
triste mai, mai più
triste mai, mai più
triste mai, mai più