Cuore umano e corpo di robot
Battiti a luce di strobo
Lampi di genio nel vuoto
E sottigliezze che andrebbero viste al microscopio.
Quando mi allontano e trovo la malinconia
Con 3 puntini in sospensione è già filosofia
Ti chiamerei canzone se tu fossi ancora mia
Poi ti strapperei il sorriso per trovare l’allegria.
Io che ho portato via l’odore da camera tua
Ora mi insegue come un’ ombra
Dentro ad ogni rua
Tu che hai portato le mie lacrime a cadere
dopo anni che provavo a trattenerle in certe sere nere
e c’ho riempito la metà che manca al mio bicchiere
poi son partito non volevo farmi più vedere.
Se vuoi sapere come muore un uomo guarda pure
attraverso gli occhi miei fessure contengo paure.
Giornate dure, fratture che curo a colla stick
Eri il mio porto in tempesta ed ora sei Moby Dick
Che mi trascina nei fondali scuri di sti mari
mentre disti da me un miglio bevo questi abissi amari,
poi fissi il foglio che ti scrissi come liturgia
ora ti spiego l’etimologia di una bugia.
Dopo un inverno di dolori, febbre e malattia
ritorno da te scalzo a Marzo
chiamami allergia.

Ritornello:
Esplode il cuore di un cyborg
Ma tu non lo sentirai
Quando poi mi chiami Daycol
Sai che paura mi fai.
Stringo sto mic tyson
che mi ripara dai guai
involontario il miocardio
che batte più forte quando te ne vai.

Io non volevo avere questo cuore umano
Che batte violento tra cavi d’acciaio
Il riscaldamento è spento ed il solaio
copre il firmamento che ci ha offerto ‘sto triste Gennaio.
Poi mi chiedi come mai io non so
Che vuol dire esser felice e mai lo saprò.
Ti raggiungo in risciò,
dopo un whisky liscio
da lontano vedo il fumo del vostro falò.
Lascia stare l’hip-hop
Tu sei stata uno shock
Un po’ london, un po’ nera, un po’ dark e un po’ rock.
Io tra mille però son diventato sordo
ho fatto tutto per tenermi solo un buon ricordo.
Accordo note stonate di ‘ste chitarre rotte
riposo male se mi sveglio dieci volte a notte,
il cuore batte forte, ho tre porte…
in una ci sei tu, nell’altra la sorte
ma dietro l’ultima non so che cosa si nasconde,
ci son di fronte, apro quella per curiosità,
la stanza è vuota, mi spiazza e poi mi riconfonde,
mi chiudo dentro per cercare la mia verità.
Testi complessi, anche tu me lo dicesti;
non te lo aspettavi, si ma adesso cerchi questi.
I nostri resti in pasto a noi stessi
Sciacalli d’amore noi nell’incubo di riaversi.

Ritornello:
Esplode il cuore di un cyborg
Ma tu non lo sentirai
Quando poi mi chiami Daycol
Sai che paura mi fai.
Stringo sto mic tyson
che mi ripara dai guai
involontario il miocardio
che batte più forte quando te ne vai.

Esplode il cuore di un cyborg
Ma tu non lo sentirai
Quando poi mi chiami Daycol
Sai che paura mi fai.
Stringo sto mic tyson
che mi ripara dai guai
involontario il miocardio
che batte più forte quando te ne vai.