Ricordo, quanno to conosciuto
me sembra che è passato un minuto,
eri piccola, bella co quer viso d’angelo decaduto.
E o sapevo che prima o poi avresti ceduto,
che m’avresti dato sicuro, più d’un saluto.
Più cresci più diventi bella
e a ditte a verità stella,
te stanno molto meglio quei vestiti da coattella.
Quanno esci trucida a folla che te contempla,
quanno passi tu il quartiere s’illumina,
pe guardatte er culo stavo pe fa er botto co a machina.
Sei unica, amo quell’aria putriva
e poi quando me dici lo facciamo nell’aria ++++.
Sisi o so o so ‘n so proprio er tipo da canzoni d’amore
ma ne riparlamo dopo che amo fatto l’amore.
Ne relazioni molte volte ‘n contano un cazzo mille parole
bastano i guardi pe capì l’altro quello che cazzo vole,
sanguisughe, mani lunghe, unghie rifatte,
offritte na botta?
daje chiudi sta porta der cesso te ne posso da più de questo.

Ritornello:
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go

Se dietro ogni Re c’è na Regina
perchè te comporti ancora da regazzina
Ami me o a cocaina.
E tutto e bello e facile durante na seratina,
ma domani mattina se svegliamo coi stessi scleri
che c’avevamo ieri,
stessi sguardi storti e tu che ‘n mi sopporti.
Ricordi e notte abbracciati che se tremamo
mano pe mano, tempo andato.
Ma perchè me dovrei rovinare a vita pe te
‘n ha senso ne più o stesso
ormai è solo sesso nient’altro,
giochi a parte der giocatore scaltro
attenta ribalto,
potresti esse il mio prossimo scaltro
se qualcosa finisce, finisce,
te ho detto e meglio daje ‘n taglio netto
sto stronzetto ‘n lo rivedi manco più pe sbaglio
se fuori ne dentro er tuo letto.
Se me giro vedo na cifra de invidia,
ed è certo che ‘n puoi esse a ragazza mia,
se ogni volta che scattano un pezzo
stai subito li mezzo,
se finisco all’ospedale e tu hai troppo da fare,
sei troppo occupata al bar a chiacchierare.

Ritornello:
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go
Just let me, Just let me go