Verse One: Recessione, depressione, flessione, litania/ inflazione ed aggiotaggio, signoraggio, tirannia/ patrimonio, dinastia, pandemonio, vita mia, aspira via prendo il volo come Antonio Pisapia/ non ho i soldi di Silvio, sto peggio di Silvio Pellico, se mi parli di Silvio io penso a un ordigno bellico/ e sto sul disco di Montecarlo, mi trasferisco su a Montecarlo/ per quello a cui ambisco non vado in disco evado il fisco e sparisco/ non chiedo il pizzo sevizio rime e plafond/ servizio che paghi caro condizio sine qua non/ la mia è una causa persa, faccio ricorso col rap/ rima scrausa manco mezza senza rimborso e cachet/ dentro lo stereo potenti/ senza più un euro contenti/ io da una vita sto al verde quindi fai meno commenti/ porto la grinta di sempre ma non ne vedo proventi/ voi fate finta di niente come nei pedo-conventi.

Ritornello:
I like…Money, money, money, Gimme, gimme, gimme, gimme, gimme…
must be funny, in the richmen’s world/ Gimme money, gimme money, gimme money, gimme money….

Verse Two: Tolgo una L dal disco di Uzi adesso è tempo di spendere/ non sento d’intendere vedo disperdere quello che cerco di vendere/ non arrivo alla fine del mese quando non faccio qualche impiccio rischio sempre la merda/ ma da quando ho aperto gli occhi dal primo capriccio ho visto sempre la merda/ che t’aspetti che ti dico che voglio rimanere per sempre un poveraccio/ che me continuo a stringe come un laccio/ che se chiedo a vince come faccio?/ fanculo mangio in testa ai tre quarti della gente che insiste e che ci campa/ tu mi chiederai che ti cambia/ ti chiederò a te che ti cambia?/ che speri ancora che vendi due copie del disco stampato/ quando ho regalato più strofe di quanto il tuo Mc preferito ha registrato/ il patrimonio si è già eclissato/ resto fissato in sto cesso di stato/ col decesso fissato al prossimo anno se non vi ho depistato/ scendo con Montecarlo lanciaci la banconota/ i soldi sono come il mare, finche non sei stanco nuota/ la cassaforte in bianco vuota/ sbanco il banco total/ bevo alcol-soda/ scrivo questa merda e vi ci mando a ruota.

Ritornello:
I like…Money, money, money, Gimme, gimme, gimme, gimme, gimme…
must be funny, in the richmen’s world/ Gimme money, gimme money, gimme money, gimme money….

Verse Three: Che parli di dollari, euro, yen, oro nero o Mastercard/ non fa differenza davvero, gelt, money, dinero, soldi, argent/ che non fanno la felicità che sia chiaro ma questo si sa/ quello che non mi è chiaro è perché di provare nessuno mi da la possibilità/ qua, chi ce li ha se li tiene stretti/ fodera i materassi dei letti/ Maserati, Ducati, Bentley/ Gucci, Armani, Prada, Fendi/ li vinci o li perdi scialacqui o conservi/ spendi contante o stacchi gli assegni/ sei ricco sfondato o ti sei stancato di farne meno di quanti ne spendi?/ e nonostante quanto m’impegni non ne vedo ancora/ per questo punto le banche non al banco dei pegni Operation Stackola/ mora che sale e che sfora/ il budget di chi non lavora/ Mentre chi ha soldi condona tasse e la ruota si olia/ E la vita troia mi invoglia ma il carovita mi ingoia/ non invidio i ricchi ma solo con spicci tiro le cuoia/ perciò non parlo di soldi perché tutti lo fanno/ ma di tutti quelli che fanno di tutto e non ne fanno

Ritornello:
I like…Money, money, money, Gimme, gimme, gimme, gimme, gimme…
must be funny, in the richmen’s world/ Gimme money, gimme money, gimme money, gimme money….