“Promettimi che farai il bravo, promettilo a mamma.”
“Lo prometto…”
“Promettimi che non dirai cose brutte, promettimelo.
Promettimi che studierai.”
“Te lo prometto…”
“Non guardare gli altri, tu non sei come gli altri. Prometti a mamma che sarai sempre bravo, promettimelo.”
“Sì mamma, te lo prometto…”
“Mamma ti vuole bene.”
“Anch’io, mamma…”

Ritornello:
Canta con me, non ti fermare mai
Altrimenti i pensieri hanno la meglio
E non ti addormentare, non dormire
Guardami negli occhi, resta sveglio

Conto su di me, il vero io
Contro il tuo e il mio Dio
Olimpiadi ma non quelle di Rio
Parlami commosso, ti risponderò “Non posso”
Il paese non cambia se non cambi di posto
Pettegolezzi, tu mi vorresti fare a pezzi
Cerchi poi ciò che prima disprezzi
Le madri sui figli, i figli sui fogli
Euro-germogli in mezzo ai bisbigli
Bambini nati in questi anni insabbiati

Lingua plastificata, rimasticata, senti bene questo…
Scolare scollate, scopare d’estate, che figo
Vali tanto quanto vale il tuo idolo
Capitolo primo, deprimo la promo, le prendo e le do
Mi vendo, spendo lo stipendio, la prima volta
Che ho sentito la parola “Paranoia” ero già in paranoia
Il mondo ormai rovinato dalle ideologie, fuori dalla bocca
La verità ferisce, c’è chi piange e chi scoppia
Il pubblico e il privato separato
Se Barabba fosse stato scambiato per l’altro
A quest’ora appendevi al collo cosa?

Ritornello:
Canta con me, non ti fermare mai
Altrimenti i pensieri hanno la meglio
E non ti addormentare, non dormire
Guardami negli occhi, resta sveglio

Canta con me, non ti fermare mai
Altrimenti i pensieri hanno la meglio
E non ti addormentare, non dormire
Guardami negli occhi, resta sveglio

Canta con me, non ti fermare mai
Altrimenti i pensieri hanno la meglio
E non ti addormentare, non dormire
Guardami negli occhi, resta sveglio