Sento un fischio, non resisto
musica maestro, vai cor disco
pisto, nella folla me ce ammischio
il dj je l’ammolla se corre il rischio
niente fiaschi, riempio piste
Piotta è sul piatto e nessuno è più triste
chi in pista veste come Manero Tony
mangianastri a palla negli Alfettoni
pantaloni a zampa, la giacca della standa
la cubista in tanga, eccita la banda
mi metto in branda e sogno un sei all’enalotto
poi me compro tutto quello che è coatto
lo studio 54 o il Piper disco
Ma Amanda Lear è una femmina o un maschio?
Piotta, merlo maschio come Lando
un urlo un lampo il cafone è sul palco

Ritornello:
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Alla fine del mese alla borsa: EuroPiotta
di corsa alla banca del seme: Robba Coatta
se non è robba nostra devastiamo tutto
a casa nun ve manno…”Ah senza tetto”
più a palla, niente ballo del “Quaqua”
il Supercafone eccolo qua,
“Com’è bello fa l’amore” come canta la Carrà
andà co’ Califano al Festivalbar
co’ ‘na stella dell’Hard su Novella
brindà co’ Funari a sciampagna e mortadella
sur Ferrari co’ ‘na pischella der varietà
“Vota Moana” pe’ cambià la società
il rap…chi lo ama e chi lo frega
io so’ coatto come Mario Brega

Ritornello:
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Si, si, si..aha, aha, aha
Piotta e Robba Coatta…Supercafoni!!
Il sole integrale ar mare o in balcone
o la classe serale dei supercafoni
giovani coatti come Manuel Fantoni
“Ah bella” viè co’ sti maschioni
Signore e Signori io sò Mister Okey
il rapper giusto per lui e per lei
provo disgusto per ogni gentilezza
il cafone è trucido come er Monnezza
“che pezza”, la voce si spande
dalle Alpi alle Ande
Piotta, sei grande!
ignorante con l’abbronzante,
abbondante fra le mutande

Ritornello:
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà

Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
movi la mano de qua e de la
fammela vede nun te fermà