Ritornello:
Fissami pure non so dirti la verità
dai vieni qua e dimmi che anche io ho un’anima
se si sa non è piu un segreto
ma in realtà: non so dirtelo
guardarmi a fondo stavolta non basterà
tu tremi gia e sai che qualcosa non va
non pensarci perchè tanto questa volta io:
non so dirtelo

La città è ormai lontana e sono qui che guido
sono vivo, e ancora ho lei vicino
accucciata sul sedile, almeno lei è innocente
lei che non sa niente di quello che combino
io, meschino che ho rovinato tutto
come ho potuto chissà forse era destino.
Butto giù un sorso ed alzo il finestrino
per tenere chiuso fuori il buio, arriverà il mattino
e non farmi domande e io non ti dirò bugie
ma tu non me lo chiedi perchè sto sulle mie
perchè ti ho chiesto di partire senza dirlo a nessuno
perchè penso per due che ho sempre pensato per uno
e “non c’è più il futuro di una volta”
leggo al cesso dell’autogrill, che ironia della sorte
ma non c’è ironia nella morte
pago il caffè ed esco, c’è foschia questa notte

Ritornello:
Fissami pure non so dirti la verità
dai vieni qua e dimmi che anche io ho un’anima
se si sa non è piu un segreto
ma in realtà: non so dirtelo
guardarmi a fondo stavolta non basterà
tu tremi gia e sai che qualcosa non va
non pensarci perchè tanto questa volta io:
non so dirtelo

e lei mi fa “ciao” dal parabrezza
ingoio l’amarezza voglio che mi veda senza
c’è il mare e c’è brezza
le corro incontro coi biglietti in tasca
per la prima nave in partenza
e tutto la diverte, ride la sto a guardare
semplicemente pensando che le è andata male
Messina splende guido tra fichi d’india, arance di sicilia
lei ,si sistema il trucco alle ciglia
e arriviamo che sono già a tavola
Nino è a capo tavola
è sorpreso ma non chiede che ci faccio là
ci sistema fuori Avola
vecchia casa isolata tutta in pietra e in tufo
sembra una favola, lei se ne innamora
io penso che sia un bel modo per un uomo
di passare la sua ultima settimana
stiamo soli per qualche ora
io bevo sciolgo quel nodo
ora quella tenda chiudila che mi va

Ritornello:
Fissami pure non so dirti la verità
dai vieni qua e dimmi che anche io ho un’anima
se si sa non è piu un segreto
ma in realtà: non so dirtelo
guardarmi a fondo stavolta non basterà
tu tremi gia e sai che qualcosa non va
non pensarci perchè tanto questa volta io:
non so dirtelo

Passati i primi giorni non penso nemmeno più a scappare
non le dico mai no qualsiasi cosa voglia fare
il mare, le cene, la pace, le chiese,le strade di giorno
lei cosi vive bella, io dentro morto
più mi accorgevo di quando era bello averla
più si avvicinava il momento di perderla
e lei era sempre stata lì come una fune tesa
e io non mi ero mai allungato per prenderla
ed ora era tardi, troppo tardi per me e lei
dopodomani saro a Milano alle sei
per dirgli.. non ce l’ho fatta
che non ho i soldi.. per prendermi due colpi
e pareggiare i conti
in cerchio sopra di me, i loro volti
mentre è a te che penso
mentre credo vado all’inferno
leggi il biglietto:
ho messo i soldi in un doppio fondo
un tramonto
tu in spiaggia che ridi girando in tondo e poi nulla..
tu in spiaggia che ridi girando in tondo e poi nulla..
tu in spiaggia che ridi girando in tondo e poi nulla..
tu in spiaggia che ridi girando in tondo e poi nulla..
e poi nulla.