Gocce di cielo mi sfiorano, tin tin tin
gocce di cielo mi sfiorano tin, il mondo è vuoto, tenebre, white screen
il cielo ha le palpebre umide e quelli come me le chiamano nuvole
Quelli come me sotto cieli grigio perla divorziati dalla luce ma quanto vorremmo rivederla

C’è un oceano fatto d’ombra tutt’intorno così opaco che non sai mai se è già ritornato il giorno
il cielo intristito forse non ha sentito oltre il velo di quel visco nel nevischio qualcuno suona il suo disco preferito
Cielo non piangere aggiustati il trucco dai che alla fine si sistemerà tutto
cielo non piangere aggiustati il trucco dai che alla fine ritornerà