COEZ:
Calo col Briga e sono cazzi mo io non ho il cash di Liga musica fica senz’attico datti mo perchè il mondo corre forte è un attimo e prendi in faccia porte nun te se ‘ncula nessuno pensa a te prima che ti ritrovi spalle al muro e un uomo è un uomo solo quando ha l’acqua alla gola ma quà la sola è che sta diventando fango qui sto scavando emergo dalla merda col mio rap scafandro tutto sta andando a rotoli muoviti, muoviti sennò ci muori qui quindi mi raccomando e puoi trovarmi sopra il ritmo che fa darararin dararin dararààà e mentre tutto cola a picco col rap picchio forte sopra il beat che va

Ritornello:
Ti giuro il mondo è malato. Ma, come si sà, quà niente è mai regalato. E a tutta ‘sta gente, chè è niente da sempre, l’invidià gli fa: “Tarirà, Nannannà Nannànnannà Nannààà”.

BRIGA:
Non sono test di serie ho chiuso con te accuso lo stress in ferie macerie sulla mia testa ma c’è che se apro la finestra non si vede quiete dopo la tempesta e so che cascherò a breve solo perchè il male che c’ho, infondo, lo maschero bene le tasche vuote e non piene e il riscontro è che se mi dai i soldi, io, la felicità me la compro io me la canto tutto l’anno ma non campo e faccio brutto se bestemmio, e accanto c’è chi resta di stucco, distrutto con le mie rime mine senza nè trucco nè inganno e mò veloce, e mò statico cuore di ghiaccio e sul braccio c’ho un laccio emostatico e intanto inietto veleno ma quantomeno sul beat sapessi quanto meno

Ritornello:
Ti giuro il mondo è malato. Ma, come si sà, quà niente è mai regalato. E a tutta ‘sta gente, chè è niente da sempre, l’invidià gli fa: “Tarirà, Nannannà Nannànnannà Nannààà”.