Eh si, ci sono giorni in cui le facce di tutti quelli che ti sono attorno
Sembrano uguali come si dice certi giorni lasciarsi andare e sopravvivere
Ma guarda avanti

Ormai ho capito che il modo in cui certi giorni
Si vanno mettendo in fila sempre lo stesso, cambia la prospettiva
Ognuno sfoglia una mappa dispersiva
Distratto, copre l’arrivo con le dita
Hai voglia a capovolgerla ogni volta la clessidra
Sperando che la salita diventi discesa
Con l’illusione che una storia d’amore
Per quanto estiva duri il tempo di una vita vecchiaia compresa
Via le tende, basta dormire
Quello posso farlo sempre
Basta muoversi per stare a galla
Mentre qui tra la gente io, devo riuscire a risalire la corrente

Ritornello:
Ei come va? Oggi non lo so, domani poi boh, si vedrà
E i cerchi nella mente fanno stop, start, magari poi qualcuno riderà
Ei come va? Oggi proprio no, domani poi si passerà,
E i battiti del cuore fanno stop, start, magari poi qualcuno riderà
Magari poi qualcuno riderà, magari poi qualcuno riderà
Magari poi qualcuno riderà

Io resto uguale e affondo i colpi
Guardo le immagini di posti 
Ora che tutto sta cambiando la fisionomia dei volti
Perché la fretta è un vezzo di molti
Pare che parli ma che nessuno t’ascolti
Anch’io ho scambiato le passioni per amori
Forse con la paura di rimanere da soli
Anch’io coi miei dolori 
Che sono spesso interiori
Con il complesso di sentirsi inferiori
Se guardi il fondo nei miei occhi in realtà
Ci troverai il racconto delle mie verità
Un messaggio pupillare, un passaggio da studiare
È come un saggio, altro che elementare
Se questo è il fiume che si  è scelto di guadare
C’è un paradiso che dobbiamo guadagnare
Per ricercare la chiarezza tra di noi
Queste vite sono linee parallele che dobbiamo intersecare

Ei come va? Oggi non lo so, domani poi boh, si vedrà
E i cerchi nella mente fanno stop, start, magari poi qualcuno riderà

Ghemon – Aspetta Un Minuto | Mixtape

– Testo trascritto da Luca Grossi