C’è qui il maestro.. c’è qui il maestro
c’è qui il maestro della babababa base
che calcia hm
ed anche pappa ciccio nella casa

Bassi Maestro
ecco qui,
la A la B la C la D la E la F la G la H la I
giusto un attimino con te per introdurre così
rinomato rimatore rispettato
spettatore già mi conosci perchè la mia musica non ha confini neppure barriere
viaggiare nel tempo come un’astronauta
il difetto sta nel fatto che ?? non c’è
ma mi gioco le carte che restano da giocare
meno male che c’è la già ben nota squadra con me..
il mio nome è capace di esplodere come una bomba
atomica hiroshima l’effetto della rima
maestro della base asintattica è la frase
con soggetto predicato oggetto devastato
ma però non si può però dire di no alla furia che mi
contraddistingue nell’uso delle lingue
uno dos ein zwei one two
eh eeeehhh multidialettale come pochi del mio rango
simpatico come cash e forte piu’ di tango
se qualcuno prova a mettermi in riga scopre che
non mi chiamo nintendo e tantomeno sega
con il maestro non si scherza e non si gioca
quando surriscaldo la folla dopo un attimo già si sfoga
chiedimi perchè chiedimi per come
la risposta è nelle cinque lettere che formano il mio nome.

Ritornello:
Bassi è il nome percepiscilo il nome
bassi è il nome riconoscilo il nome
bassi è il nome memorizzalo il nome
è il maestro della base e ti mostro il mio estro

Bassi Maestro
bene, proseguo con la strofa numero due.
l’Italia sia desta ad ascoltare la rima del maestro
senza la minima resistenza ormai si presta dammiladammila B (B)
A (A) doppia S I vado sempre piu’ lontano
però quando con il microfono nella mano
vado veloce però pure sono sano come un pesce
oppure come un gallo in erba
co-co-combatto senza tregua a tutti i polli do’ la merda
e tutte quante le gallinelle nel pollaio fanno coccodè
il maestro non c’è.. chissà dov’è?
sono fuori dal recinto però non mi nascondo
sai che quando mordo i miei nemici i denti li affondo
molti mi chiedono come sia possibile che il mio nome
sappia incutere nello stesso tempo tichiti gioia e rabbia
non importa, se non gradisci quella è la mia porta
caro amico richiudila e sparisci a quelli come te
testardi come un mulo io do’ una strigliatina e metto il pepe in culo
scusami per i termini e le buone maniere
forse sarà sufficiente solo un calcio nel sedere!
B A S S I riconosci nelle cinque letterine canta co-co-così, vai!

Pappa Ciccio
Prendi una B metti una A Doppia S S I
eccomi qui non vado là dove la musica s’arrende di fronte alla noia
che ti prende, ti rigira e ti sorprende assonnato
in uno stato di perenne compassione questo momento è quello giusto
per bussare al portone del maestro
la strada giusta per raggiungere il successo
per trovare in te stesso quella rima che da tempo vuoi urlare
il coraggio che ti viene a mancare grida
ti riempie d’energia ti fa prendere la scia ribelle
ribelle è una cosa e poi questo lui ti spiega
veder ballare tutta quella gente che fa merda e poi la spiega
copiosamente per le strade con parole voce e fatti
frasi e gesti senza senso
sentimi bene ciò che penso è che è l’ora di svegliarsi
apri le orecchie amico non è tempo di distrarsi
ma di essere te stesso nel nome del maestro

Bassi Maestro
Ah grazie pappa ciccio del prezioso contributo
la presenza in questo demo ti rivela risoluto
rap è veicolo sofisticato mezzo
bassi resta il nome e titolo del pezzo.