Mondo spaccato, tagliato a metà
mondo spaccato, tagliato a metà
mondo spaccato, tagliato a metà
mi sento senza identità

Tutte le notti mi dico me ne vado via bellaaa
guardando fuori da una crepa nella mia cella
aspettando il bagliore della mia stella
quante ne ho guardate dicendomi fa che sia quella
ma ancora niente e il presente si deforma
resto incastrato tra le regole e chi le forma
mi rinchiudono e si aspettano che dorma
cosa vogliono provocarmi la sindrome di Stoccolma
sto lontano da quello che ci lasciano
non mi fido di quello che c’è dentro al piatto che mi passano
fanno partire la guerra da un super attico
perché solo per un attimo hanno creduto che li superassimo
perciò sembra un pugno la mia carezza
perché sono 24 anni che vivo in mezzo al

Ritornello:
Mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mi sento senza identità

Spot pubblicitari, loghi digitali
per mandare a male i nostri lobi occipitali
dove stiamo dalla polvere non ti ripari
il cielo è camo come le tute dei militari
la dignità calpestata dai carri armati
allarmati scheletri escono dagli armadi
tutti schedati nel cervello della banca dati
vuoi le droghe qua te ne danno una valanga gratis
i grattacieli sono le nuove torri
gettano olio bollente sulla strada che percorri
con i segreti in testa come Johnny
parto per 100 giorni i tuoi amici si aspettano che ritorni
del cervello ne ho già bruciato più di metà
perché impazzisco se penso che non posso fuggire dal

Ritornello:
Mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mondo spaccato (mondo spaccato) tagliato a metà (tagliato a metà)
mi sento senza identità