Roccia Music Genesi RecensioneEtichetta: Roccia Music
Distribuzione: Free Download
Anno: 2013

Tra le novità di questo 2013, esce una compilation in free download che vede partecipi tutti gli artisti di questo nuovo progetto, il Roccia Music Group, messo in piedi da Marracash e Shablo, composto, oltre che dall’ormai navigato duo, da Tayone, Attila, Luche e un paio di nomi “nuovi” nel mondo mainstream come quelli di Corrado, Achille Lauro e Fred De Palma. In una traccia compare anche Marz, mentre troviamo tra le collaborazioni Jake, Guè e Martina May.

Le produzioni sono a cura di Del, Bra, Might Cez, The Night Skinny, Pherro, Marz, D-Ross e Prestige.
Ora, parlando del progetto in generale, credo che sia un ottimo inizio per qualcosa di nuovo destinato sicuramente a crescere. La qualità dei nomi è una sicurezza, sia a livello di cantato che di produzioni.
I “veterani” sono tendenzialmente incriticabili: Marracash è perfetto come al solito, e qui è preso a pillole, non essendo (giustamente) presente in tutte le tracce;
Luche s’integra perfettamente con il gruppo e sia in “GVNC” che in “Infame” dà prova di essere ad alti livelli;

Attila, dopo numerose collaborazioni (a partire da “Semtex” in “King del Rap” di Marracash), ottiene una bella visibilità con “Aldilà” (insieme a Jake), “Senza Lacrime” insieme a Fred De Palma e con “Freddezza” dove completa il duo Guè-Marra. Completa la sua partecipazione al disco con una barra nella title track “Genesi” che comprende tutto il team Roccia Music. Nel complesso il suo voto è ottimo, soprattutto in “Senza Lacrime” dove dà il meglio di sé.

Corrado con due canzoni, “Flashback” e “Stasera non Torno“, dimostra di essere un buon cantante, begli incastri e flow, bell’esordio tra il grande pubblico.

Fred De Palma: con “F.D.P. 2” e “Lettera al Successo” oltre a “Senza Lacrime” con Attila, è uno dei più presenti e anche meritevoli tra i nuovi. Di prospettiva.

Achille Lauro è quello che tra tutti, mi è sembrato il più fuori luogo, soprattutto a livello di metrica e incastri, rispetto agli altri, un gradino sotto. Molto gradevole invece Martina May nella collaborazione “Scarpe con i Tacchi 3“.

In definitiva trovo il disco, un ottimo lavoro, gratuito e una grande rampa di lancio per tutti gli artisti di “secondo piano” presenti, che possono essere anche definiti il punto di forza di questo cd: rispetto alle ultime uscite del mainstream italiano, troviamo appunto qualche nome nuovo fuori dal “circolino” solito. Con contenuti che spaziano dall’autocelebrativo allo story – telling, con un Marracash sempre più maturo e le nuove leve in evidenza, il livello è sicuramente alto.
Per i detrattori posso dire che, come prodotto è sicuramente commerciale e ricalca molto (in piccolo) la via presa dal “Maybach Music Group” americano, un tipo di musica che per i talebani dell’underground sarà sicuramente indicata come di infimo livello, ma effettivamente, è quella che funziona meglio negli ultimi tempi. E appunto questo è un disco che rispecchia i tempi che avanzano, perciò apprezzabile.

Consiglio di scaricarlo e ascoltarlo perché nei prossimi tempi sentiremo sicuramente ancora parlare di questo gruppo.

Vitto

Roccia Music – Genesi | Album