Fritz Da Cat Fritz RecensioneEtichetta: Universal
Distribuzione: Universal
Anno: 2013

Premetto che sono onorato e lusingato di poter recensire un album di Fritz da Cat. Un’istituzione del rap italiano che ha consegnato alla scena ed alla storia uno degli album fondanti della nostra nicchia musicale.

Non è un altro “950”, è impossibile non tanto per la capacità ma per quanto sono cambiati i tempi, il rap, ed il pubblico, di 950 c’è né stato uno e non ve ne saranno altri.

Dimenticatevi di trovarne una riedizione. Ascoltatelo e capite quanto, dopo una buona stagione di silenzio e piccole collaborazioni un Producer con la “P” maiuscola, può essere fatto di buono con un buon orecchio, cultura, e maestria.

Fritz regala un album che non stupisce per l’innovazione ma per la qualità. Ascolti una canzone e sembra che tu l’abbia gia sentita mille volte: è una sensazione strana, ma non strabuzzi gli occhi e ti chiedi “e questo che è”. È un suono familiare, esce dallo stereo e ti fa sentire a tuo agio. Morbido e melodico, perfetto nei suoni, perfetto come sottofondo per gli mc’s che ci rappano sopra. La qualità è quella di chi ha iniziato quando non era “semplice” come oggi, ma che si è adattato, non ha smesso di ascoltare il mondo e non ha perso il vizio di produrre qualità.

Salta tra ritmi calmi e melodici a beatz più serrati e intensi con una naturalezza spiazzante. I rapper sono scelti tra le pagine della nostra storia passata, attuale, e forse futura: Bassi Maestro, Turi, Fabri Fibra, Primo, Tormento, Ensi, Dargen, Danti, Mondo Marcio, Jack The Smoker, Mecna, Ghemon, Guè, Madman, Clementino, Egreen, Big Joe, Low Low, Rocco Hunt, Calibro35. Tutti eccellono e non sfigurano: anche i personaggi sui quali ero scettico (e non saprete mai quali sono) hanno dato prova di essere all’altezza di produzioni di questa caratura.

Nessuno da esaltare, se non tutti. Un lavoro di questo tipo forse capita nel periodo storico “sbagliato”, affossato dalle uscite a raffica di lavori di buon livello, dall’essere famosi di alcuni singoli: mi spiace che rischi di venire oscurato da questi fattori, perché merita davvero l’attenzione del grande pubblico.

Gran lavoro, da parte del producer, dei rapper, di Universal che ha raccolto questo magnifico lavoro e si è fatta “carico” della pubblicazione. Dico questo in modo assolutamente obiettivo: non è perché Fritz ha scritto la storia e non si ferma nello scriverla, anche allo sfiorare la quota anagrafica dei 40. Fritz è un lavoro che va ascoltato e gustato. C’è qualità, buona musica. Vale tutti i soldi che costa, e vi chiedo di comprare la copia fisica: credo sia un album da tenere in bella vista tra quelli “importanti”. Credo si capisca che mi è piaciuto, ma devo dare una piccola nota di dispiacere: avrei voluto vedere nella track list il nome di Lord Bean: sogno di un ascoltatore assiduo e nostalgico. Concludendo:

Fritz è un album a 5 stelle, e non ho ne vergogna ne dubbi nel dirlo. Da avere.

Buon ascolto.

Ciroga

Fritz Da Cat – Fritz (Video Intervista)

Fritz Da Cat – Fritz | Album