Sapevo che i concerti dei rapper italiani non sono paragonabili a quelli degli americani a cui ho avuto la fortuna di assistere. In più non amo particolarmente cose come “festival” dove c’è una sfilza di nomi, tra cui un sacco sconosciuti, e una qualità scadente. Eppure sono dovuta andare comunque all’Hip Hop Tv Bday Party 5, l’evento che porta sul palco del Forum di Assago (prima all’Alcatraz) i rappers più in vista della scena italiana.
Per in vista, intendo quelli che maggiormente si vedono a Hip Hop Tv: l’emittente televisiva, diretta da Max Brigante, ha ormai radunato attorno a sé un gruppo di MC che magari tra loro non si sopportano neanche, ma che è comunque sono sempre presenti nei palinsesti e sul palco di quest’evento.

Il risultato è che molti confondono questa festa come il momento in cui viene celebrato l’Hip Hop Italiano: in realtà questa è sì una festa, ma per chi sta dietro le quinte e per gli artisti, non per il pubblico. Lo spettacolo offerto non è certo quello di un concerto di alto livello. Nonostante l’affascinante cornice in cui è inserito, ovvero il Forum, nel quale hanno cantato star internazionali del calibro di Rihanna e Lady Gaga, che una volta riempito sembra brillare più di New York, tra flash e luci varie, non si può che sentirsi schiacciati dall’impressionante numero di ore di durata dell’evento, che inizia alle 20 e finisce intorno alle 24 (senza contare il pre-party).

Hip Hop tv Bday Party 5
Lo spettatore medio, in piedi già da ore, all’inizio del concerto è già spossato e non vede l’ora di sdraiarsi nel proprio letto. Come se non bastasse la metà è li per gli artisti più importanti che, ovviamente, sono anche gli ultimi a esibirsi: e stai aspettando di vedere Salmo (ho fatto un nome a caso, i rompicoglioni che devono sempre fare gli “underground” non vengano a dirmi “una che va li a vedere Salmo non ne capisce un c**** di Hip Hop”), vedere in scaletta 40 nomi prima di lui genera in te un senso simile a quello dell’infarto. Ma tieni duro. Ti aspetti le luci i colori, esibizioni strabilianti: dopo tutto, Hip Hop Tv si è ingrandita, ci dovrebbe regalare dei live interessanti. Invece scopri che molti artisti non hanno fatto manco il sound-check, se non i soliti noti, e le perfomance consistono in una carrellata di brani famosi dell’artista schiacciati in due minuti scarsi. Il risultato è quello di non far in tempo a iniziare a canticchiare una canzone che subito viene interrotta e sei già lì in sbattimento a capire qual è quella successiva partita subito dopo.

Per non parlare degli artisti che non ti piacciono. Sei costretto a subirti i live di un’infinità di rapper che magari neanche conosci o che ti fanno schifo. Passa uno, passano due, ma sono tanti i nomi che fanno cagare (come sono comunque tanti i nomi di quelli bravi, senza dubbio). Non c’è variazione, è un susseguirsi di nomi, e il giorno dopo ti dimenticherai che Tizio ha fatto il brano tal de tali. Fossero finiti i problemi. Quest’anno il Forum era STRAPIENO. C’erano tutti. Se fossi andato là, ti saresti sicuramente imbattuto nella tua ex con il suo nuovo fidanzato (rigorosamente munito di New Era, giusto per non farti salire il crimine). Tra questa massa di persone, un buon 80% era composto da ragazzine urlanti (e un buon 15% dai loro genitori, e non è una battuta); se per sfiga poi ti capitava di essere sotto il palco era difficile che sentissi qualcosa, proprio a causa della sedicenne al tuo fianco che non la smetteva di gridare.

Per farla breve: se eri li per un concerto o per passare una serata diversa penso tu abbia sbagliato posto. Molto meglio andarti a vedere l’artista che più ti aggrada quando suona vicino a casa tua.

Il vero party in realtà c’è stato ed era nel backstage: il clima, distesissimo, era dei migliori. Nessun rancore sembrava segnare i volti di nessuno e i complimenti si sprecavano, tanto che ti domandavi “ma quei due non si odiavano? Ma quelli non si sono mica dissati?”. Tutte chiacchiere ragazzi, tutte chiacchiere.

I rapper italiani si amano. Il resto è spettacolo.

E chi è quella figura solitaria che vaga per i corridoi del Forum? Un Kurtis Blow invecchiato, solo, camminava per la sala, ignorato dai più. Sai che nessuno lo ha riconosciuto. E allora ti chiedi se veramente l’Hip Hop abbia vinto questa volta. Se sia veramente il caso di far festa.

Ester