Ritornello:
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai

(Entics)
Sono davanti a te che parli e non finisci mai di farlo
Come se non ti servisse prender fiato
Faccio sì sì col capo anche se tu non sei il mio capo
Stai in piedi su quella sedia ti starebbe bene un cappio
Mi stai sul cazzo e provi a mettermi i bastoni tra le ruote
Rabbia esplode come inchiostro sulle banconote
Qui sembra strano come un prete che fa un bestemmione
E tutti gli altri in chiesa pensano che c’ha ragione
Pazienza
Rapinatore a mani vuote mi son sentito così quante volte
Da piccolino nel cortile dai più grandi quante botte
Farsi le ossa dopo che le hai rotte

Ritornello:
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai

Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza
Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza, pazienza

(Entics)
Molti la perdono, come un mazzo di chiavi
Molti altri si rassegnano alla vita degli schiavi
Quando in gergo si dice “Tutto a posto”
Se mi chiedi “Come stai?” Cambio accento
E ti dico “Come stai!” Pazienza
Come chi pesca senza esca, come tuo papà che aspetta
Con la macchina già accesa
Siamo innocenti
Che finiscono in galera
Anelli deboli della catena
E dai retta a questi scemi come fossero dei guru
Ami di meno chi ti ama, ami di più chi ti manda a fare in culo.
Nei miei geni c’è già scritto il mio futuro
Non bisogna esser dei geni
Devi fare uno più uno, pazienza

Ritornello:
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai

Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza
Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza, pazienza

(Fabri Fibra)
Minimo, minimo, minimo, minimo, minimo
Oggi tutti dicono “minimo”
Tipo “Esci sabato?”
“Minimo!”
Tipo “Te la sei fatta?”
“Minimo!”
Ma nessuno dice “massimo”
Tipo “Te la sei fatta?”
“Massimo!”
Perché sembra che non sei tu a farti lei ma Massimo
La effe i la bi erre, Metriche BR
Che terrorizzano locali e PR
Sempre in mezzo, come tra la Q la S e la R
Fighe al muro tipo ADSL
Fumo serre e mi riavvio
Tipo Canc+Alt+Ctrl
Rime come perle ci potrei fare le collane
Qui finisco come le preghiere con l’Amen.

Esco insieme a lei
Da questo locale cool
Dopodiché due buchi in un buco
Il mio naso nel suo culo
Metto una bomba prima che venga mattina
Mentre dorme esco di casa
Ed esplode la palazzina
Schiaffeggio una ragazzina
Davanti ai suoi genitori
Che mi guardano allibiti
A entrambi scippo gli abiti
Pago una Thailandese
Così adesso ho anche un alibi
Poi rubo un auto
Dal parcheggio degli invalidi
E scappo diretto verso Como
Compro un comò e torno
Compro due cani e un cigno
E dopo un’ora li abbandono
Sul ciglio della statale
Il cigno che sta male
Io lo investo e mi domando
“Che cazzo succede in questo testo?”

Eh Mr. Entics una cosa così ti va bene?
Bella è bella eh, però non c’entra un po’ niente col resto del testo
Non c’entra un cazzo? La rifaccio, se viene, bene, se non viene pazienza

Ritornello:
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai
Se non avete la pazienza che c’ho io
Non ce la farete mai

Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza
Non basta fare, non basta che osi
Ci vuole pazienza, pazienza