Loading...

F.N.O. - Indelebile  

Etichetta: La Grande Onda
Distribuzione:
Anno: 2011

Già dall’intro si sente dove il gruppo mixed belga-bolognese andrà a parare; il momento è quello giusto, la dubstep ormai è un genere affermato e non è più alieno rapparci sopra, anche se i Fuoco Negli Occhi non sono novellini di questo tipo di musica.

Avendo influenze europee, erano arrivati un attimino prima di altri in Italia a cantare sulla dubstep e sulla drum and base; non solo, il disco contiene anche beat in versione “gangsta-rap” tipici U.S.A. (tipo in “Trono Senza Memoria” o nella title track “Indelebile”)

Gli mc si alternano a rappare in francese e italiano, dando una buona qualità melodica a canzoni che sono molto cupe e trattano temi attuali di disagio sociale tra giovani e ignoranza politica nel nostro paese, difficile trovare qualcosa di allegro, in questo album.

Il buono del loro modo di cantare è sicuramente l’utilizzo di extra-beat che denota una discreta tecnica, nel caso specifico, di Brain; che poi si collega perfettamente alle parti più cantate di Michasoul, non male al microfono dove le si addice. Kyodo e Prosa (l’altro belga, fratello di Michasoul) chiudono la formazione di F.N.O. che con questo giunge ormai al terzo album in studio.

Partecipano alla stesura del disco anche Orifice Vulgatron, direttamente dai Foreing Beggars, crew britannica e Specta dalla Saian Supa Crew, proveniente dalla Francia, ampliando così il loro appeal di stampo europeo.

Nel complesso non è un brutto disco, sicuramente difficile da “digerire” per alcuni tipi d’orecchio contando le rappate-combo in italo-francese (e talvolta inglese) che caratterizzano tutto l’album; il genere dubstep unito a più classiche atmosfere hip-hop di qualche anno fa, lo rendono comunque piacevole all’ascolto e devo dire che a dispetto dei loro testi di protesta questo è il disco della Globalizzazione per eccellenza, che unisce un sacco di Europa in un prodotto tipicamente italiano; e questo non può essere che un punto a favore del gruppo.

Si vedrà dove andranno a parare nel prossimo lavoro.

Vitto

     
Loading...