Don Joe & Shablo - Thori & Rocce (Recensione)   Etichetta: Universal
Distribuzione: Universal
Anno: 2011

Esce Thori e Rocce, maxi progetto di Don Joe e Shablo: forse è il primo progetto made in italy di questa portata. Dentro, a performare alcuni big della scena italiana e delle New entry che molto probabilmente avranno di che far parlare.
Scandiamo bene le componenti di questo progetto, partiamo dalle produzioni.

Shablo e Joe, mettono i piedi sul gradino più alto del podio nella classifica dei producer italiani. In questo disco danno prova di saper mischiare tanti diversi stili e tecniche di produzione, cambiare impronta sonora.

Staccano di poco gli altri big della nostra scena, ma in questo album, ribadiscono un primato. Poco da dire su un mixtape dove le produzioni sono di elevatissimo livello: quasi perfetti, nulla di più da riportare.

Gli artisti che camminano sul tappeto sonoro dato da Shablo e Don Joe fanno segnare uno score di 35 (più i due producers…vi bastano?)

Tra i “big” troviamo le collaborazioni classiche più alcune “nuove leve”: Guè Pequeno, Jake la furia, Marracash, Vincenzo da Via Anfossi, Ted Bee, J-Ax, Noyz Narcos, Nex Cassel, Caneda, Entics, Co’Sang, Tormento, Caprice, Revendo, Chief, Dargen D’Amico, Fabri Fibra, Bassi Maestro, Amir, Montenero, Ensi, Emis Killa, Vacca, EverGreen, Duellz, Mixup, Canesecco, Gemitaiz, Fedez, Deleterio.

Il livello delle collaborazioni è davvero alto: ci sono un paio di artisti che mi permetterei di definire non ancora al livello per un progetto cosi importante ed evoluto, ma sarà il tempo a decretare se la fiducia riposta in alcuni personaggi è stata ben posata. Ognuno porta il suo stile ed il suo contributo al rendere vario e valido questo mixtape.

Da sottolineare l’intevento\\contributo di Tayone, Francesco Sarcina: menzione di merito anche per loro, che vanno ad aggiungere, con le loro skills, del valore al progetto. Portiamo all’attenzione la presenza di Gemitaiz, Canesecco, e Evergreen, personaggi poco noti alle grandi masse ma di grande spessore: sapranno far parlare di se.

Tiriamo la riga delle somme e concludiamo con un consuntivo: bel mixtape, e credo che difficilmente ci sarà un progetto cosi ricco di partecipazioni di questo livello: Don Joe e Shablo sono tra i pochi personaggi che hanno la possibilità di mettere insieme tutti questi nomi, e di questo livello. Dentro troviamo il 90 del mainstream del rap tricolore, e non è da tutti stringere collaborazioni di questo tipo in un solo disco. Apro un angolo critico-negativo: troviamo un artista con un flow ripescato da un altro “big” assente nel progetto, unica nota stonata; personalmente avrei bloccato la collabo. Altra nota che può risultare stonata, per essere un progetto così grande e con i migliori d”Italia nelle intenzioni, forse sarebbe stato meglio sacrificare qualche nome di “amicizia” con qualche altro extra-big. Ma è un punto di vista.

Lancio una provocazione\\stimolo: un Thori e rocce vol.2 con la fetta di scena che è rimasta “fuori” dal progetto. Il mixtape non è nulla di rivoluzionario, di innovativo: non ho trovato una traccia da portare come dote negli anni a venire, ma spero ed ho una buona certezza che si ricorderà il progetto nel complesso come un’impresa colossale portata a termine con superbi risultati. Voto 9 abbondantissimo. Ascoltatelo su Youtube (tra le rarissime volte che un  album finisce online per l’ascolto gratuito in versione integrale e senza censure, giu il cappello ed inchino) nel canale ufficiale, e poi supportate con l’acquisto nello store digitale: acquisto consigliato, soldi spesi davvero bene.  

Ciroga