Miroku Robot  (Recensione)   Etichetta:
Distribuzione:
Anno: 2011

Innovazione. È un elemento difficile da trovare nel mondo della “nostra” musica. I tempi sono cambiati, tutte le cose già dette.

Per questo mi sento di promuovere questo disco: una novità, nel campo sonoro e nella tecnica, ottima, di Kola e Blodi B, i Miroku Robot.

I testi sono accompagnati da una musica elettronica, curata nei minimi dettagli dalla ToblerOrchestra e ritoccata con scratch ipnotici da Dj Phenoboogie.
Kola non esita a dare prova delle sue grandi doti di Mc, e canzoni come Calpyspso e Discovirus ne sono la prova.

Inoltre la musica, va pari passo con i gusti di molti giovani di questo periodo; si nota infatti che la diffusione del genere elettronico è aumentata e l’idea di metterci sopra delle parole e un tipo di sonorità un po’ più tranquillo rispetto a quello che si sente nelle tipiche serate elektro.
Nell’album inoltre riscontriamo tracce puramente strumentali che risaltano la bravura degli accompagnatori dei due Mc.

Tematiche surreali, si sposano con i beat in una maniera stupenda, dando talvolta all’ascolto una sensazione onirica, piacevole e rilassante; per poi balzare su un’altra traccia che da la carica necessaria per la giornata.

Il cd è molto molto bello, ma settoriale: l’album è per pochi,  per chi è appassionato di musica elettronica e per quelli a cui piace il rap con metriche e tematiche ricercate e ipnotiche, non per un pubblico nuovo al genere o che si tuffa a capofitto nelle tematiche piatte degli ultimi periodi.

In ogni caso, approvato al 100%. Lavoro ottimo da parte di tutto il cast del disco!

Vitto