I colpi son quelli che dai, sempre. E’ questo il presupposto fondamentale del nuovo disco di Zuli, in uscita dal 29 Marzo 2011. Raffiche di rime e mitragliate di vibes. Rap e Reggae. Violenza e Melodia. Come quando si vedono le immagini di chi va in piazza a buttare giù i governi, le dittature.

Come in Africa, la motherland. In un modo o nell’altro il suono è di rabbia, di arroganza, come se si stesse cacciando qualcuno da qua. Quindi il pretesto, vuoi o non vuoi, è quello slogan che riecheggia ovunque negli ultimi tempi: “Erhal” (via subito!).

 

La soluzione ha due labbra: sempre.
E’ questa la filosofia da inseguire. Con i fans, con le donne, con i politici. Da uomo a uomo: un disco così può anche non piacere, ma è esplicito e diretto come quando entri nello spogliatoio della palestra e c’hai solo un modo per farti rispettare: tira fuori le palle e basta. Senza coprirti con l’asciugamano, fuori tutto subito e senza paura. E non lasciare a casa gli amici: Biggie Bash, Vicio dei Subsonica, Alex Soresini, Brusco o Ensi. Fuori tutto, tanto ascoltare un disco così oggi è l’unica pausa che ci viene concessa dal nostro quotidiano mangiare pezzi di cemento.

Zuli - Colpi

Tracklist:
01 – Altra Storia
02 – La Scommessa
03 – Colpi
04 – Dentro me
05 – Gli Infami non mi amano
06 – Appeach
07 – Occhio Thai
08 – Diamanti
09 – Mai
10 – Niente feat Ensi
11 – Naa Na feat Dj Jad
12 – La Rapina
13 – Diamanti remix
14 – La Scommessa acoustic version