Loading...

HallWeedWood Stories Vol.1 (Recensione)   Etichetta: Free Download
Distribuzione: Free Download
Anno:2010

Kuno torna con una bella compagnia di amici per darci un mixtape di pregio, HallWeedWood Stories Vol.1. Sicuramente il mixtape è lontano dalle sonorità “commerciali”, ricalca piuttosto lo stile più genuino, classico di Kuno, e di tutte le persone che hanno collaborato. Il prodotto è dedicato ai palati sottili, e consigliato a tutti gli ascoltatori.

\r\n Le produzioni sono tutte edite, a parte tre tracce prodotte da Jack the Smoker (Mani pulite panni sporchi, Sogni d”oro, Fumaça brucho y el siempre verde): inutile dire che il tocco del producer milanese si fa apprezzare per la solita ottima qualità. Per le tracce già edite, è stata fatta una buona selecta.

Per quanto riguarda le liriche Kunetti non delude, piace e accompagna bene lo scorrere di tutte le tracce. Kuno resta se stesso, evita eccessivi autoproclama ed evita di forzare gli argomenti su tematiche impegnate: si spinge verso temi decisamente meno culturali, per scegliere dei toni più divertenti e leggeri.

Tecnicamente resta ineccepibile: rispetto dell”italiano e delle sue figure metriche, con l”uso di un vocabolario chiaro e moderatamente ricercato. In questo mixtape Kuno non tradisce il suo essere, non si sforza di sembrare altro.

Le collaborazioni, essendo un mixtape, sono numerose e di fantastica qualità: Jack the Smoker (beats e testi in più pezzi), Evergreen, Rayden, Coliche, Palladaphella, Capsan, Supa, Bat, Emis Killa; nessuno di questi featuring va tralasciato, Barbeque musique fa da raccoglitore a tutti gli artisti che hanno contribuito ( fatta esclusione per Emis, presente solo in “fatto da me”)

 

In conclusione gran mixtape in freedownload: tanti artisti, tanta buona musica, e tanta “sincerità” nei testi.
Se cercate un mixtape dove non ci sono personaggi costruiti, argomenti forzati, questa è un prodotto da tenere in considerazione. Si mischiano bene pezzi con dei concetti di base a pezzi decisamente più “giocosi”.
Kuno cresce rispetto ai suoi prodotti precedenti, e questo lascia intendere che sulla scena italiana può dire la sua in modo più importante “sessione” dopo sessione. Aspettiamo che salga di un altro gradino con il prossimo lavoro!

Ciroga

     
Loading...