Ritornello:
Nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno pa…

Dan-T:
Squillino le trombe, trombino le squillo,
scusami ma a volte mi escono capovolte.
Vogliono che vada dritto, ma io cerco strade nuove,
parole nuove, non mi correggi con il t9.
Fammi uno (squillo), ti faccio uno (squillo).
La tecnologia ti fa stare tranquillo.
Se mi amerai ti faccio uno (squillo),
se non mi amerai mi faccio una squillo.
A cosa servono i suonatori da quando ci sono pc e campionatori?
Chi siamo noi? siamo figli del caos,
no siamo solamente figli del mouse.
Parlo con gente dall’altra parte del mondo
ma non so neanche come si chiama il mio vicino di casa che vive qui sopra.
E abbiamo tutto il mondo chiuso dentro giganteschi televisori.
Abbiamo il 3d, l’hd e siamo più comodi ma anche più soli.

Ritornello:
Nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con ness…

Dargen:
Tutti connessi ma nessuno comunica con nessuno,
con uni nettuno, nessuno parla più con te ma parla più col computer.
Prima di morire ti mando un messaggio
per dirti le chiavi di casa dove le lascio.
E quando sarò morto
crema la mia sim e spargila al porto.
Oggi il mondo è un posto in cui qualsiasi vaccata
tu dica verrà pubblicata e rivalutata
e trovi sempre uno stronzo che ti cita.
Questo mondo è un puzzle,
i cui pezzi cadono dal cielo ma a caso.
E le case cadono a pezzi
e ci sono crepe dietro ogni tv quadro.
Usa e sogna l’Italia e attraversa il mare su un barcone,
attratto da un monolocale con parabola sul balcone.
Sul mio schermo al plasma scorre tutto liscio,
ogni tanto arriva qualche schizzo di plasma ripreso dai videofonini di Mogadiscio.
Il re del Belgio sposa in videoconferenza la regina del Congo
e non si muore più tuttalpiù si fa un tour virtuale dell’altro mondo.
E in mezzo secondo posso raggiungere il capo del mondo,
come il telefono rosso. “Qui Washington-Mosca, ti sento male, pronto?”

Ritornello:
Nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno, nessuno parla più con nessuno

Fabri Fibra:
Nel cd c’è di più, la dicitura al display gli dice, la dici tu,
la verità c’è di più alla mia età c’è di più come il terrorismo.
Il dilettevole che dice all’utile: renditi utile sfrutta il debole.
Nella decade troppe regole,
come il fisico vedo le molecole.
Leggo le mie rime tra le sue mille. Senti questa: dighi dighi bum cha.
Sai già dove va la gangia, prima entra poi ti mangia.
Canta che ti passa in cassa per casa in banca sbianca.
Po po po po poi cosa ti manca
ti manca il bar la barca,
Starbucks, Star Treck, Startac, il futuro è una Smart a Sparta.
Il lavoro ti spacca in 4, come un killer che ti squarta.
La metà di voi non capisce,
chiusi in camera zitti zitti,
quando il pezzo finisce nella testa ti resta bip bip bip bip bip bip bip bip.