Image   Etichetta: Universal Music
Distribuzione: Universal Music
Anno: 2009

I Club Dogo dopo l’esperienza in EMI, approdano in Universal Music, con Dogocrazia.
15 tracce feat. Marracash, J.Ax, Terron Fabio, Kool G Rap, Infamous Mobb, Vincenzo da Via Anfossi, Montenero e Karkadan. Tutti i beat sono prodotti da Don Joe.
Dogocrazia è  il disco dell'”Equilibrio” dell’irriverente trio milanese.
Un disco che rappresenta sicuramente un chiaro segno di maturità, non un punto d’arrivo ma una tappa importantissima nel loro persorso musicale.
Il timbro è quello classico a cui ci hanno già abituato i Club Dogo, crudo, vero ma ancora più curato nel dettaglio.
Si evidenziano sempre più i ruoli dei singoli elementi: Don Joe è il beat in persona, Guè è il poeta Buono e Jake la Furia il cattivo, un mix di ingredienti che forma un piatto prelibato per molti palati… crudo ma gustoso.
Buona parte dei featuring sono azzeccati ma decisamenti troppi almeno per i miei gusti, i meglio riusciti J.Ax, Terron Fabio e Marracash. Da notare anche Karkadan in versione italiana.
Dogocrazia è un album a 360°, realtà di strada, amore, politica e riflessioni a volte condivisibili altre molto meno, ma non sarebbero i Club Dogo se così non fosse.
Qualche “vocoder” di troppo che a mio avviso non si addice molto allo stile Dogo ma non stona comunque più di tanto.
Nel booklet troviamo il Dogo/Vocabolario, sembra molto una mossa da etichetta ma comunque divertente: sgamare, schiacciare, rimbalzare, bozza, sgrilla, pisciaturo, gonfiare, favella, sgamo, bruciato, perquisa… ecc.
I Club Dogo sono sicuramente il gruppo Hip Hop più potente d’Italia e Dogocrazia ne è la dimostrazione.
Tutti i Dogofans non rimarranno certo delusi.
Oh, il nuovo disco è atteso più del ritorno di Cristo!

Valeriano P.