Image  

Etichetta: Barely Legal
Distribuzione: Self
Anno: 2008

DJ Shablo si presenta al pubblico con un primo album da ascoltare e riascoltare.
Per presentare Shablo bastano poche parole, quelle che lo avvicinano alla PMC, alle collaborazioni con Club Dogo e Grand Agent, pochi anni fa. Producer Hip Hop di livello decisamente superiore alla media, esce con un disco che tradisce quanto molti potrebbero pensare. C’è poco del suono rap di MiRes VS PMC, o delle produzioni di quel periodo, ma resta la qualità, resta l’essere “un passo avanti” dei suoi suoni.  
Dando via al disco, dalla prima traccia, ci si immerge in una sequenza a cascata di sonorità calde, trasmissive. Il succedersi degli artisti, presi in vari paesi del mondo, regala suoni caldi, intensi, per poi passare ad atmosfere più vive, più accattivanti.
Non c’e molto da dire su un prodotto come “The second feeling”. È il risultato di un evoluzione, che non dimentica le poprie radici, ma punta oltre. Gli artisti sono sconosciuti ai più, in italia non suoneranno nuovi Fritz da Cat (wineflow), Grand Agent, e Poopatch.
Il consigilio è di entrare nel primo shop, o sul primo sito, e di comprarlo. Un disco come questo, non può mancare come sottofondo ad una cena a lume di candela, o come colonna sonora di una serata in auto.

Ciroga