Forte di un ottimo successo nelle stagioni precedenti, ecco che anche quest’anno, dalle mura dell’ S.P.A. Leoncavallo, torna a pulsare il beat dell’evento hip hop underground per eccellenza…

Push It Real, che in quest'occasione, oltre alle sempre aggiornatissime selezioni del sound-system di casa – Dj Harsh ai controlli e Karkadan al mic – proporrà il live esclusivo dei Dublinerz, alla loro prima uscita sul palco dopo la realizzazione del loro primo apprezzatissimo disco.

 

'The Dublinerz' nasce dall'unione degli artisti Bassi Maestro, Supa (già parte del team Sanobusiness) e Lord Bean, rapper e rinomato writer della scuola milanese. Con il primo disco 'Low Cost Raiders' il trio dà vita ad un nuovo concetto di hip hop italiano che prende ispirazione dalla comune passione per:

il viaggio.

Il viaggio è inteso come esperienza momentanea e allontanamento dai clichè e dai luoghi comuni tipici della vita milanese. Nuovi sapori, nuovi volti, luoghi non troppo lontani ma spesso sconosciuti e guardati con un occhio diverso, mentalità low cost come concetto di sopravvivenza.

 

Oltre alla comprovata fama di produttore e singer di Bassi Maestro questo progetto vede soprattutto l’impronta di Bean, figura chiave della scena italiana del rap, quella che riprende si alcuni codici di base della scuola americana ma ne prende le distanze cercando sempre una propria via, “all’italiana”, per fare rap.

Bean come accennato è uno dei migliori writer italiani, nato nella metropoli lombarda nel 1978. Quello che tutti conoscono come Bean invece inizia a imporsi verso la meta' degli anni '90, così sui muri della città come anche sul metallo dei vagoni ferroviari, la passione per i graffiti lo porta a diventare uno dei nomi più conosciuti e la sua passione e ossessione per la calligrafia e il lettering lo trascina verso il termine degli studi di grafica per poi condurlo nel 2003 a fondare con Rae Martini e Marco Klefisch il collettivo Rebel Ink, che basa il proprio lavoro su performance live dove writing, lettering e calligrafia s'intrecciano e si completano a vicenda.

Un personaggio a tutto tondo che da anni stimola la sua controcultura, il grigiore della città, sia con il linguaggio del disegno sia attraverso il rap (da segnalare il suo disco solista “Lingua Ferita”, un vero e proprio disco sperimentale con rime taglienti e assolutamente in controtendenza con i canoni del rap italiano)

 

Prima e dopo il concerto Dj Harsh e Karkadan al microfono per selezioni hip hop dalla new alla old school!

Ad aprire la serata, lo showcase dei giovanissimi Effediemme.

Ingresso con sottoscrizione ::: inizio ore 22.30

Leoncavallo S.P.A www.leoncavallo.org ::tel.0267072094