Image  

Etichetta: La grande onda
Distribuzione: Self
Anno: 2007

Ecco arrivare sugli scaffali di tutta Italia questa compilation dal nome “Prodotti A-tipici”, ed è il caso di dire proprio di tutta Italia visto che la sua particolarità sta nel racchiudere in essa gran parte degli artisti della nostra penisola ed ognuno col proprio dialetto di appartenenza! Dal nord al sud, dalle grandi metropoli ai paesi del meridione. Ideato e prodotto dal Piotta per la sua etichetta “La Grande Onda” e distribuito da Self, questo prodotto si presenta italiano al 100% e rende importante quella che è senza dubbio una risorsa e una cultura millenaria del nostro paese e tende quindi a valorizzare le proprie tradizioni troppo spesso ormai snaturate e sfociate in facili brutte copie d’oltre oceano. All’interno di questo lavoro troverete sia brani nuovi di zecca che brani editi ma comunque molto recenti a cavallo tra la fine del 2006 e il 2007. E ce n’è per tutti i gusti, in queste 19 tracce infatti si va in ordine sparso, dai Balentia a Bassi Maestro, i B&B Funk, Castì, Clementino, Co’Sang, Combomastas, Dj Amon, Franco Negrè, e ancora Gel, Chicoria , Mystic1, Metal Carter, Giga, Herman Medrano, Hyst, Jesto, Kiave, Lady B, Maloscantores,  fino a Othello, Popucià, Skizo, Supa, Turi, Word e lo stesso Piotta. A voi il giochino di riconoscere l’appartenenza geografica di ognuno di loro. Tra i pezzi inediti spiccano sicuramente “Pim pum pam” di Bassi Maestro col featuring di Supa, che reputo uno dei migliori brani dell’intero progetto, così come “Listen passengers” del sempre tagliente Turi, e Word con “Sbontia” su un ottimo Beat. L’espressione che rispecchia a pieno lo spirito di questa compilation la da Kiave nel pezzo “Di passaggio” di Franco Negrè con Giga scsi, “di provenienze più  diverse eppure siamo tutti qua, solo il dialetto cambia”. I Maloscantores ci portano “Bellos maripesos” un pezzo davvero ben costruito con un ottimo ritornello femminile e un beat rilassante. Tra gli altri brani già conosciuti ritroviamo anche “La filosofia del niente” di Gel con le partecipazioni di Metal Carter, Chicoria e Mystic1, presente già nel primo album solista di Gel “Just Married”. Non passano inosservati i Combomastas con “U Tagghiamu’ Stu Pallune“, meno conosciuti di tanti altri ma che sicuramente dimostrano una buona attitudine al microfono. Il pezzo a mio avviso meno riuscito del progetto è quello dell’unica signorina presente, Lady B  con la sua “3 pile”, non me ne vogliano tutte le donne. Ci rifacciamo con “Storie’e merda” di Skizo e Castì, brano davvero potente  in cui si avverte che è sentito dentro. Tocca poi al talentuoso Clementino  con  “Fremen Massive” che si esibisce in un pezzo sempre originale e divertente, forse troppo breve, e che avrebbe meritato almeno una manciata di minuti in più. “Senti che pezza” è il brano dell’ideatore di questa compilation, il Piotta, assieme a Jesto e Hyst, pezzo anch’esso ben fatto e su un beat che si adatta alla perfezione con lo spirito del brano in questione, mentre i Co’sang si confermano una delle realtà più forti del momento, con la loro “Tuoccame pe sempre”. Alla fine dei giochi, questo “Prodotti A-tipici” mantiene quel marchio made in italy inconfondibile e direi anche ben riuscito nel suo complesso e porta indubbiamente una ventata di originalità e magari perché no, sarebbe una bella idea riproporre in seguito un volume successivo sempre mantenendo questo filone.

Me$$ia