Image 
Etichetta: Universal
Distribuzione: Universal
Anno: 2006

Pensieri scomodi è lo street album che, dopo alcuni mesi, accompagna l’album d’esordio Tradimento con una major da parte di Fabri Fibra.
A tratti il disco risulta più simile al suo penultimo lavoro “Mr. Simpatia”, che allo stesso “Tradimento”; questo per lo più a causa degli argomenti trattati. Si torna ad una sorta di testi sfogo dove l’artista si lascia andare e, tra rime paranoiche al limite della censura, descrive tutto ciò che gli passa in testa senza alcun filtro.
I testi dell’album svariano tra una sua sorta d’auto celebrazione distorta, dove lascia chiaramente intendere senza nemmeno girarci troppo intorno, che il suo arrivo in mainstream ha fatto solamente in modo che il suo personaggio sia vissuto e visto in maniera storpiata del grande pubblico; ai soliti pezzi denigratori nei confronti delle donne, in cui ribadisce per l’ennesima volta come le sue vecchie delusioni ora gli rendano difficile il rapportarsi con questo mondo in maniera razionale e disinteressata; ad altri argomenti che risultano ben più scomodi, ed è proprio in questi testi che si mostra nella sua vera natura depressa e dove si sconsiglia l’ascolto alle menti più labili.
Tecnicamente dal cd non scaturisce nulla d’eccelso, il suo nuovo stile è per lo più ormai riconsolidato ed affinato.
La metrica risulta lineare se non perfino a tratti banale ma con un flow che rimane ad ogni modo unico nel palinsesto dell’hip hop italiano.
Le 10 tracce interamente prodotte da Dj Fish, ricordano molto da vicino quelle di “Tradimento”. Di fatto, si mantiene la stessa linea per tutta la durata del disco con basi travolgenti che non danno spazio a sentimentalismi di sorta, ma che senza dubbio hanno la qualità di far muovere le teste; incalzanti e travolgenti, per il nuovo stile del rapper probabilmente non ci sono produzioni più indicate.
La presenza dei troppi ritornelli è la pecca più forte del disco, anche per la loro continua e monotona ripetizione all’interno dei testi. Questo senza dubbio fa entrare la canzone in testa praticamente da subito, ma che a conti fatti della canzone fa sì che siano pochissime le barre che realmente valgono d’esser ricordate.

Sen