Image 
Etichetta: La Suite Records
Distribuzione: Self
Anno: 2006

Dalla collaborazione tra Raige, membro dei One Mic, e Zonta, ragazzo cresciuto musicalmente da Dj Shocca, nasce l’album “Tora-Ki”.
Da queste premesse, che uniscono uno tra i più promettenti mc della penisola, ad un altrettanto promettente ragazzo anche se meno conosciuto, che fiorisce un ottimo lavoro sopra le aspettative di molti. La sua sensibilità colpisce a fondo, non è il solito pugno nello stomaco, ma più una dolce carezza che fa innamorare pian piano, ascolto dopo ascolto.
Inizialmente si apprezza il suono caldo che avvolge l’intero album, ma solo riascoltandolo più volte si riesce ad apprendere appieno le potenzialità di questo cd, che cresce pian piano in un continuo evolversi ascolto dopo ascolto.
Raige da solista eccelle e si dimostra ben più maturato rispetto al primo lavoro con i One Mic, rime mai banali ed una fortissima diminuzione di punchlines rendono i testi ben più sofisticati, il tutto va inoltre ad aggiungersi ad eccellenti metriche e alla sua ottima interpretazione sui beat di Zonta.
Un Raige così non ce lo aspettavamo, piacevolmente sorpresi.
Le basi molto soft si rendono sempre ascoltabili e quasi mai fastidiose all’udito se non in un paio di rare occasioni dove l’mc viene leggermente coperto da qualche suono forse non troppo azzeccato. Beat che comunque si fondono perfettamente con la calorosa voce di Raige e tendono quasi ad ipnotizzare l’ascoltatore.
Uno dei punti di forza di questo lavoro è in maniera indiscussa la musicalità dei ritornelli che calzano a pennello con le liriche dell’album dando vita ancora più lunga al cd.
Pochissimi e azzeccati featuring (Dj Tsura, Rayden, Ensi, Rockdrive & Dj Shocca) tendono ad integrarsi bene dando in ogni modo quel tocco di diversità al suono che non guasta mai.
Punti deboli, almeno in apparenza, sembrano non esserci, anche se a volte il ritmo cala leggermente ed alcune tracce passano in secondo piano.
In ogni caso rimane un grande passo avanti per entrambi gli interpreti dell’album e se queste sono le premesse per un futuro ancora più promettente, questi due ragazzi faranno sicuramente parecchia strada.
Vera poesia per le orecchie.

Sen